"Liberazione", festa di pace nella scuola di Santa Barbara

1068

Straordinario successo dell’iniziativa dedicata al tema della Pace, Venerdi 24 aprile nel plesso del villaggio Santa Barbara dell’Istituto Comprensivo “Vittorio Veneto”. Nel 70° anniversario della Liberazione dal nazi-fascismo, la scuola, ha voluto far rivivere e rinnovare i valori della Liberazione e della Resistenza, specialmente in un momento così delicato per la pace mondiale, questa volta per liberarsi dalle armi e resistere con la nonviolenza. Una giornata che ha visto la Scuola ed i suoi alunni “partigiani di Pace”; la Pace è infatti “il fiore del partigiano”, che occorre custodire e proteggere ed il messaggio trasmesso da questa iniziativa vale più di ogni lezione in classe.
Nella mattinata, in un clima di festa ed allegria, mentre i ragazzi intonavano “Bella Ciao”, alla presenza delle autorità: il vice prefetto Dr.ssa Elisa Borbone, il Comandante dei VV.FF. ing. Gianfranco Scarciotta, il Funzionario del Provveditorato agli Studi Dr. Carmelo Salvatore Benfante Picogna, è stato inaugurato il “Totem della Pace“ realizzato dal prof. Lirio Scarciotta docente di Educazione Artistica dell’Istituto. Il “Totem della Pace” – dice l’autore – intende rappresentare il principio dell’uguaglianza di sovranità e delle pari dignità dei popoli, nonché il rispetto del pluralismo delle diversità culturali, dei diritti fondamentali della persona e della democrazia. A seguire si è svolta la premiazione degli elaborati realizzati dagli alunni che hanno partecipato al concorso “Un Poster per la Pace” promosso dal “Lions Clubs International”.
Nel pomeriggio, una interessante Tavola Rotonda sul tema “Mai più guerre, costruiamo la Pace” ha concluso la giornata. All’incontro, introdotto dal Dirigente Scolastico prof. Mario Cassetti hanno partecipato: la prof. Fiorella Falci, lo storico dr. Filippo Falcone, la dr.ssa Santina Lombardo, rappresentante dei NO MUOS e l’avv. Giovanni Annaloro, consulente della Sportello Immigrati. Moderatore il Preside prof. Salvatore Vizzini.
Nel corso del dibattito i relatori si sono soffermati sul valore della Pace, bene prezioso donatoci dalla Resistenza italiana ed europea e su come oggi essa sia in serio pericolo. Su come, la guerra sia, di per sé, il contrario dei diritti umani, perché ogni conflitto, necessariamente li calpesta, li mette in discussione e non di rado li annulla. Si è sottolineato, inoltre, il valore dell’accoglienza, soffermandosi sull’emergenza immigrazione e sul dramma dei migranti in fuga dai Paesi in guerra.
Lirio Scarciotta
Referente ed ideatore del progetto

Commenta su Facebook