Lettera aperta di un cittadino al sindaco: “Metta in sicurezza la via Salvo D’Acquisto”

258

Spett.Le Sindaco,

in seguito all’ultimo incidente avvenuto in via Salvo D’acquisto giorno 05/09/2020 alle 23:15, che ha causato la morte di un povero cane randagio, Le chiedo di mettere maggiormente in sicurezza suddetta strada. A tal proposito, in seguito a un consulto con esperti del c.d.s., mi permetto di darLe i seguenti suggerimenti:

1. sistemare i tre avvallamenti causati dai tombini sfondati (forse di competenza della CALTAQUA…?)

2. Visto il continuo inserimento in carreggiata dei veicoli che transitano in direzione da e per il supermercato Carrefour, sarebbe necessario inserire bande rumorose e rallentatori ottici.

3. segnaletica orizzontale e verticale da rivedere, specie in prossimità delle intersezioni con la via Don Minzoni (scuola Don Milani) e intersezione con la via Aldo Moro.

4. Sistemare la segnaletica nella via Don Minzoni nei pressi della scuola Don Milani

5. Limite massimo di velocità a 30kmh

6. Inserire un tutor di velocità

7. Durante le Sue dirette Facebook, molto seguite dalla popolazione, potrebbe giornalmente “ricordare”, a mo’ di mantra, alla cittadinanza di rispettare il c.d.s. e in particolare il limite di velocità. Tantissime sono le segnalazioni di auto che sfrecciano per strada a velocità molto pericolose…

Ricordo di seguito solo alcuni degli incidenti avvenuti in via Salvo D’Acquisto che potevano essere evitati con gli anzidetti suggerimenti:

06 giugno 2013: incidente tra auto e scooter

10 dicembre 2013: furgone si ribalta dopo scontro con auto

24 gennaio 2014: Suv investe una donna

18 marzo 2015: studentessa cade dallo scooter e si frattura una gamba

21 dicembre 2015: scontro tra BMW e Fiat Panda

10 settembre 2016: scontro auto-scooter

23 maggio 2018: auto cappottata, conducente ferito

Come vede, gli incidenti sono avvenuti precedentemente la Sua amministrazione. Ha la grande opportunità di evitare incidenti durante il Suo mandato…

In fede,

Armando Alessandro Turturici

Commenta su Facebook