Les Jeux son fait, l'avvocato Dacquì sul militare Gdf: "mai coperto Allegro"

1879

L’Avvocato Giuseppe DACQUI’, intervenendo avanti il Tribunale Collegiale di Caltanissetta, (Presidente Napoli, a latere Dott. Sabella e Dott.ssa Balbo) in difesa del Maresciallo della Guardia di Finanza, Matteo SARACINO, nel procedimento  “les jeux sont fait”, ha definito l’accusa nei confronti del suo assistito “inconsistente e frutto di argomenti ridondanti privi di rilevanza penale”. 

L’accusa per l’avvocato Dacquì si è basata “su pochissimi elementi, ripetuti ed enfatizzati, che non confortano l’ipotesi accusatoria”.

“SARACINO – afferma Dacquì – non è mai stato il tutor né il consigliori degli Allegro” . 

Se l’accusa ha ritenuto che qualcuno abbia voluto coprire gli Allegro “questo non è certo SARACINO né lo stesso può essere utilizzato come capro espiatorio”.

SARACINO, ha concluso l’Avvocato Giuseppe DACQUI’, “non ha mai tradito il giuramento di fedeltà all’Arma prestato oltre trent’anni orsono”.

Commenta su Facebook