Legalità a scuola. Il Questore ospite della scuola Angeli per la conclusione del progetto.

2169

Questore Filippo Nicastro e studenti scuola AngeliConclusione di un percorso didattico “sperimentale” di educazione alla legalità presso l’Istituto Comprensivo Statale “Vittorio Veneto” di Caltanissetta – Scuola Angeli.
Ieri 30 maggio il Questore Filippo Nicastro, accompagnato dal V.Q.A. dr Fabio Lacagnina, dal V.Q.A. dr Felice Puzzo e dall’Ispettore Superiore s.u.p.s. Salvatore Falzone, si è recato presso la Scuola Angeli dove, alla presenza della Vicaria del IV Circolo didattico Giulia Scarantino e della d.ssa Anna Maria Nobile, ex dirigente dell’Istituto, ha incontrato gli alunni e le insegnanti delle classi 5A e 5B della Scuola Primaria, a conclusione di uno sperimentale e vasto percorso didattico di educazione alla legalità, durato 7 anni.
Il percorso, che ha avuto inizio nell’anno scolastico 2006/2007, su iniziativa del Dirigente Scolastico d.ssa Anna Maria Nobile e condiviso dal Questore pro-tempore Guido Marino e dal portavoce della Questura V.Q.A. dr Fabio Lacagnina ha visto gli alunni, che al tempo avevano 4 anni, protagonisti di un itinerario didattico di crescita basato sul rispetto delle regole, la cultura dei valori civili, i diritti di cittadinanza, attraverso la conoscenza diretta degli attori principali della sicurezza, quali gli operatori della Polizia di Stato della Questura di Caltanissetta.
L’iniziativa ha preso avvio in un quartiere storico e antico della città, nel quale la Scuola rappresenta un importante ed esclusivo presidio di legalità, vista la mancanza di strutture ricettive extrascolastiche.
Per la prima volta nel Capoluogo nisseno si è intrapresa un’attività del genere, con bambini della Scuola dell’Infanzia con non pochi problemi iniziali legati all’approccio da instaurare e alle metodologie di comunicazione da adottare tra poliziotti e bimbi così piccoli. L’approccio, grazie alla sensibilità dell’Ispettore Nadia Lumia e a una forma di comunicazione basata inizialmente su semplici disegni da colorare, che raffiguravano il mondo della polizia, ha avuto un buon esito ed è continuato l’anno successivo, sempre nell’ambito della Scuola dell’Infanzia, introducendo i concetti semplici della consapevolezza del sé, del rispetto dell’altro e delle cose comuni, nonché dell’imparare a riconoscere il “poliziotto”, come un questore Nicastro e alunnaamico pronto a intervenire in aiuto nel momento del bisogno.

Nei cinque anni di Scuola Primaria il percorso è proseguito, con i poliziotti oramai “percepiti” come volti amici e punto di riferimento per i bimbi, attraverso incontri coordinati dal V.Q.A. dr Fabio Lacagnina, tenuti dallo stesso, dal Sostituto Commissario Davide Chiarenza e dall’Ispettore Superiore s.u.p.s. Salvatore Falzone, di volta in volta, effettuati con i poliziotti di quartiere, le volanti, i cinofili antidroga della polizia e il Reparto a cavallo di Palermo, la Polizia Scientifica, i poliziotti della Squadra Mobile e con altre figure professionali della Questura impegnate nei percorsi di legalità su tematiche quali: lo studio della costituzione, la polizia di prossimità, il bullismo, la dispersione scolastica, la lotta alle mafie, il rispetto delle donne, ecc.
I predetti costanti e continui incontri, svolti sia in classe sia in Questura, hanno generato diverse idee sulle anzidette tematiche, progettate, sviluppate e portate a termine dai ragazzi, sotto la competente guida delle insegnanti, che hanno contribuito alla loro formazione di futuri cittadini consapevoli, solidali e responsabili.
Tra i più importanti progetti si ricordano: “Il poliziotto un amico in più”, “Il mio amico poliziotto”, “Poliziotto per un giorno”, “Smonta il bullo”, ecc.
Gli incontri non si sono limitati agli alunni, ma hanno avvicinato alla Polizia di Stato anche i genitori degli stessi, con i quali sono state affrontate le numerose problematiche che interessano il quartiere Angeli.
Nel corso dell’incontro odierno l’alunna Alicya Buscemi ha letto una lettera, scritta da tutta la classe, indirizzata al Questore Nicastro, con la quale lo ha ringraziato per l’opportunità offerta attraverso il percorso comune di crescita svolto tra alunni e gli appartenenti della Polizia di Stato in questi anni e non poco autocritico sul comportamento tenuto dalla classe nell’ultimo anno.
Gli alunni che hanno partecipato al progetto sono: Augeri Gaia, Buscemi Alicya, Colletti Filippo, Di Mauro Mirko, Dibilio Alessandra, Dimartino Anthony Maria, Fiore Esmeralda, Larecchiuta Chiara, Lauria Alex, Messineo Matteo Pio, Notarrigo Concetto, Pistone Denise, Selvaggio Biagio Francesco Pio, Vancheri Felice.
Le insegnanti che hanno seguito la classe nel corso dei 7 anni sono: Miriam Amico, Lina Sanfilippo, Concetta Beltrami, Angela Mastrosimone, Rosy Cingotta e Irene D’Agristina.
Al termine dell’incontro il Questore ha distribuito un agenda della legalità agli alunni, ai quali ha augurato un buon proseguimento negli studi che li vedranno impegnati, il prossimo anno scolastico, nella scuola secondaria di primo grado.
Con il predetto incontro si sono conclusi i percorsi didattici sulla legalità che la Questura di Caltanissetta ogni anno effettua con numerose scuole di ogni ordine e grado della Provincia.

Commenta su Facebook