Legale anti diffamazione. Campisi revoca la determina, ma non rinuncia a difendersi. "Critiche si, infamie no".

614

Nucera CampisiIl sindaco Michele Campisi ha dato mandato di revocare in autotutela la determina sindacale con cui il dirigente dell’ufficio legale, Ippolito Cucchiara, aveva incaricato il penalista Walter Tesauro, di intraprendere azioni giudiziarie nei confronti di giornalisti e testate che, con articoli e commenti apparsi su blog e siti internet, risultassero diffamatori per il sindaco e l’istituzione comunale. Campisi ha deciso di ritirare l’incarico aperto all’avvocato Tesauro, ma lascia intendere che questo non significa rinunciare a far valere quelle che il primo cittadino ritiene essere sue prerogative, ovvero la tutela dell’onore della persona e della figura del sindaco. Eventuali cause per diffamazione saranno quindi intentate dal Sindaco senza ricorrere all’incarico legale del Comune. Campisi ha fatto esplicito riferimento a commenti di articoli apparsi sul web che sarebbero ingiuriosi. In tal senso, va ricordato, che le testate on line sono dotate di una netiquette, ovvero un regolamento a cui deve attenersi chi posta un commento. E’ compito della redazione bloccare i messaggi che non rispettano i limiti imposti dalla netiquette.

Commenta su Facebook