Le volontarie di Allattamore al reparto di pediatria per donare giochi e colori

438

In occasione del Natale l’associazione Allattamore dedica particolare attenzione anche ai bimbi più grandi, in particolare ai ricoverati nel reparto pediatria dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta. Il 20 dicembre saranno donati album, colori e giochi per i piccoli pazienti per rendere più leggera la loro degenza. L’associazione AllattAmore è un gruppo di autosostegno formato da mamme, gestanti e professioniste operanti presso il Consultorio 2 di Caltanissetta costituitasi nel gennaio del 2015 come naturale evoluzione di un gruppo spontaneo nato nell’ambito del corso preparto tenuto nel consultorio stesso. Gli obbiettivi principali dell’associazione sono la promozione dell’allattamento materno e il sostegno alle famiglie durante la gravidanza, l’allattamento e la delicata fase di crescita dei bambini.

Il grande sogno di Allattamore è quello di trasformare la nostra comunità in un posto a misura di famiglia, stimolando presso le istituzioni di tutti i livelli l’attuazione di politiche e strategie operative Baby Friendly e di conciliazione tra tempi di lavoro e familiari. Le attività dell’associazione spaziano dall’organizzazione di eventi a scopo benefico, alla raccolta di indumenti, giochi e accessori per la cura dei neonati, all’organizzazione di seminari e incontri con esperti di settore sui temi della genitorialità, puericultura e promozione di stili di vita salutari etc. Inoltre uno dei grandi progetti di AllattAmore è la costituzione della Banca del Latte Materno che possa soddisfare le richieste dei neonati che non possono essere allattati al seno dalla propria mamma. Ma il fiore all’occhiello di Allattamore sono le Mamme di sostegno in allattamento o Peer Counselor. Le peer counselor in allattamento materno sono mamme con esperienza personale di allattamento che desiderano aiutare altre donne ad allattare, preparate in 2 corsi realizzati dall’associazione negli anni 2015 e 2018, comprendenti una parte teorica ed un training pratico specifico, per poter affiancare altre mamme nella normale gestione dell’allattamento al seno, nell’immediato post-partum in ospedale e, successivamente in altri presidi sanitari o in luoghi di aggregazione, le quali svolgono la loro opera, volontaria e gratuita, “da pari a pari”, cioè da mamma a mamma, per il corretto avvio ed il sostegno dell’allattamento al seno. Le mamme di sostegno affiancano la madre che allatta durante la normale gestione dell’allattamento, contribuiscono a creare una rete sociale di sostegno e incoraggiamento dove l’allattamento torna ad essere la norma per mamme e bambini; inviano la mamma ad altri professionisti quando una problematica esula dalle loro competenze. A seguito della stipula di un protocollo operativo con la direzione strategica dell’ASP di Caltanissetta coinvolgente le strutture ospedaliere e territoriali dell’area materno-infantile, già da Ottobre 2019 le mamme di sostegno hanno iniziato attività di volontariato presso i reparti di Ostetricia e Ginecologia e Pediatria, ma è già in itinere il rinnovo della convenzione per il prossimo triennio. Grazie all’esperienza personale di ognuna di loro e alle nozioni apprese, le PEER rappresentano il primo supporto psicologico e fattivo per l’allattamento a disposizione di ogni neo mamma con consigli, informazioni, tecniche e opuscoli. Il supporto alle neo-mamme non si limita comunque solo al periodo del ricovero, ma è stato istituito un numero (392.0201755) attraverso il quale si possono fornire consulenze telefoniche e domiciliari. Il servizio in ospedale ha consentito di recuperare dati utili per la creazione di un archivio statistico. In questi mesi infatti è stato appurato che le neo mamme più predisposte all’allattamento sono le donne alla seconda gravidanza, o le primipare che hanno seguito un corso di accompagnamento alla nascita. Fortunatamente è piccola la percentuale di donne che non desiderano allattare a causa del fumo o per disinformazione, o per assunzione di farmaci controindicati. Nel sito www.allattamore.it si può consultare il manuale che contiene consigli e descrizioni di tecniche d’allattamento. In occasione del Natale infine, Allattamore vuole dedicare attenzione anche ai bimbi più grandi, in particolare ai ricoverati nel reparto pediatria dell’ospedale: il 20 dicembre infatti saranno donati album, colori e giochi per i piccoli pazienti, per rendere più leggera la loro degenza.

Commenta su Facebook