Dopo le schermaglie la Cgil ammessa parte civile al processo sui corsi di formazione all’Ipm

810

“Nel rinnovare la nostra piena fiducia nel lavoro della magistratura, esprimiamo grande soddisfazione per il giudizio favorevole di accoglimento di costituzione di parte civile da parte della Fp Cgil di Caltanissetta nel procedimento a carico dell’ex Direttrice dell’IPM di Caltanissetta”.

Lo afferma in una nota il segretario generale della Funzione pubblica della Cgil di Caltanissetta, Giovanna Caruso dopo che il collegio ha sciolto la riserva, ammettendo il sindacato rappresentato dall’avvocato Massimiliano Bellini del foro di Caltanissetta, come parte civile al processo per i corsi di formazione all’interno dell’Istituto penale minorile. Procedimento davanti al Tribunale collegiale che vede imputata l’ex direttrice, Alfonsa Miccichè e altri sette, difesi dagli avvocati Raffaele Palermo, Emanuele Limuti, Davide Anzalone, Walter Tesauro, Carlo Petitto e Robert Ranieli.

“L’aver riconosciuto alla Fp Cgil pieno diritto a costituirsi come parte civile rappresenta una grande vittoria che vuole e deve appartenere a tutti i lavoratori. Il risultato che oggi la Fp Cgil di Caltanissetta ha ottenuto, è un importante riconoscimento dell’impegno profuso e degli obiettivi che da sempre ci prefiggiamo di realizzare. Sostenere e favorire il lavoro, i lavoratori e i diritti dei cittadini contrastando ogni forma di illegittimità resta e resterà sempre la nostra unica forma di lotta e di tutela”, conclude Caruso.

La nota arriva dopo una battaglia in aula in apertura del processo. Per le difese la Cgil non sarebbe stata legittimata perchè né la Miccichè, né altri dipendenti erano iscritti al sindacato. La parte civile ha richiamato la giurisprudenza in merito e il cosiddetto “danno sindacale” che si configura anche in assenza di iscritti in quanto per Statuto la Cgil difende tutti i lavoratori.

Il processo adesso entrerà nel vivo, le accuse vanno dalla concussione per induzione alla corruzione e l’associazione per reati contro la pubblica amministrazione.

Commenta su Facebook