L’atrio della Biblioteca Scarabelli, teatro di musica ad alto livello del Trio “Dialogues”.

3290

DSC_0500Dopo i successi conseguiti in tutta Italia, il Trio Dialogues approda a Caltanissetta. Grande musica venerdì 5 settembre nell’atrio della Biblioteca Scarabelli, trasformato per l’occasione in modesto teatro non all’altezza della musica che i maestri Mirko Gangi al pianoforte, Emanuele Anzalone al clarinetto e Luca Roccaro al flauto, hanno offerto al folto pubblico presente. Ad arricchire la serata gli apprezzati interventi della violinista Martina Vacca che, in diversi brani,  ha fatto “parlare” il suo violino. Una bravura indiscussa ed un notevole affiatamento sottolineato da sguardi d’intesa che erano tutti da ammirare, hanno portato al successo un concerto vario nei brani e nel genere musicale. Tanti i brani proposti, da Piazzolla a Marcello, da Beethoven a Mozarth, per continuare con Bruno, Cavallini, Haydn e Nunzio Ortolano di cui abbiamo apprezzato la composizione dal titolo “Clarinetti all’opera” nel quale, con arrangiamenti e virtuosismi di prim’ordine, abbiamo riascoltato le note del Rigoletto e di arie famose come “Libiam nei lieti calici” dalla Traviata di Verdi e “Vissi d’arte” dalla Tosca di Puccini.

Intervista al maestro Mirko Gangi

Inevitabile la richiesta di bis che i bravi concertisti, consapevoli della qualità della musica offerta, avevano già previsto. Per salutare e ringraziare il pubblico, DSC_0499hanno proposto, infatti, un brano dal titolo “Manola” in cui il famoso trio e la violinista Martina Vacca hanno dato ulteriore prova e dimostrazione che se la musica è ad alto livello, il pubblico l’apprezza e, come ha fatto venerdì, saluta  i musicisti applaudendo in piedi.

“Per accorgersi se un paesaggio è bello – recita un detto che condividiamo – non è necessario essere pittori”. Allo stesso modo – aggiungiamo noi – per apprezzare della buona musica basta avere orecchie attente. Ce ne siamo tutti accorti.

Nota della Redazione: a tutti coloro che volessero scaricare una o più foto pubblicate nell’articolo e/o nella fotogallery, per farne uso pubblico, ricordiamo che la legge impone di citare la fonte e, quindi, nel caso specifico “Radio cl1″

Cliccare sulle foto per ingrandirle

Commenta su Facebook