L’assessore Campione sul Tennis Club: “Vogliamo fare solo chiarezza, il consigliere Dolce eviti allarmismi”

264
L'assessore Carlo Campione

In merito alla lettera aperta della quinta Commissione riferita alla nota del Tennis Club che gestisce i campetti di tennis di Viale Amedeo, è bene chiarire che in prossimità della pubblicazione del bando, l’Amministrazione Comunale ha preso atto, successivamente ad una conferenza dei servizi che stava predisponendo il bando, che i campetti di Viale Amedeo sono in gran parte di proprietà comunale e in parte di proprietà dell’ASP. Una  notizia che nè l’Amministrazione Provinciale con la quale il Comune aveva già interloquito informalmente, nè l’ASP era a conoscenza.

Informazione comunicata, nella verità, in una telefonata avuta alle ore 9.00, dal sottoscritto con li Presidente della quinta commissione, Francesco Dolce, di giorno 29 Giugno, che probabilmente avrebbe potuto chiedere più dettagliate informazioni sullo stato dell’arte, evitando inutili allarmismi alla cittadinanza.

Considerato l’uso strumentale della informazione, forse è meglio fare la storia di questa vicenda, che nasce nel 1946 quando l’Amministrazione Comunale  diede in concessione al Tennis Club i campetti sottostanti la villa Amedeo. Una concessione quinquennale che doveva essere rinnovata annualmente con apposita delibera.

Successivamente, nel 1989,  l’Amministrazione Comunale diede in comodato all’ex Provincia parte del terreno affinché questa costruisse un “campo scuola”  e più precisamente nella parte superiore del sito dove è stato costruito un altro campetto e lo spogliatoio. Nella costruzione del campetto, la ex provincia occupò parte di terreno di proprietà dell’ASP. La ex Provincia pare che abbia rinnovato al Tennis Club questa parte di  terreno, avuta in comodato dal Comune, di cui non era mai stata proprietaria, fino al 2023.

L’accordo invece tra Comune e Tennis Club per i due campetti a valle scadeva nel 2017 e considerata l’imminente manifestazione del Challanger, il Comune ha concesso una proroga fino a conclusione dell’Evento sportivo ed esattamente fino al 30 giugno. I due assessorati comunali, Patrimonio e Sport, hanno deciso di fare chiarezza, pertanto hanno convocato per Giovedì 5 Luglio alle 10.30 una conferenza dei servizi tra ASP, ex Provincia e Comune, con i rispettivi Uffici Patrimonio, per capire tutti insieme, carte alla mano, la proprietà dei terreni. Infatti il bando non è stato, ad oggi, pubblicato, per l’impossibilità da parte degli uffici di individuare l’esatta proprietà del sito.

La conferenza dei Servizi ha l’obiettivo di creare un accordo di programma che trovi una soluzione immediata ad un impianto sportivo che deve continuare ad essere praticabile dai cittadini nisseni. Al di là delle polemiche più o meno di parte l’obiettivo dell’Amministrazione è quello di garantire un’ attività sportiva in crescita, nella trasparenza e fare chiarezza con tutti. Un obiettivo che accomuna i tre Enti.

Nella tarda serata di venerdì 29, il Sindaco, il vicesindaco, gli assessori Campione, Riggi e Tornatore alla presenza della dirigente al Patrimonio, dott.ssa Polizzi e alla posizione Organizzativa allo Sport, arch. Lacagnina hanno convocato la dirigenza del Tennis Club nelle persone di Michele Trobia e del dott. Piero Ribaudo per chiarire, innanzitutto, la complessa vicenda che si è creata in tutti questi anni, di cui questa  amministrazione ha solo il torto di voler fare chiarezza e garantire un servizio alla città.

Il Tennis Club, prendendo atto della vicenda, ha chiesto di completare un torneo che inizierà lunedì e si completerà il 18 Luglio, del quale l’amministrazione non  era a conoscenza, richiesta che sarà formalizzata Sabato 30 Giugno.

Commenta su Facebook