La vita non finisce, anche quella dei farmaci. Nel ricordo di Liù Lachina parte il progetto pilota nelle farmacie

3192

E’ dedicato alla memoria di Liù Lachina, la farmacista rimasta vittima di un incidente uscendo da lavoro, il progetto pilota avviato da Federfarma, con ordine dei farmacisti della provincia di Caltanissetta e azienda sanitaria provinciale Asp2 per il recupero e il reimpiego di farmaci non scaduti ancora utilizzabili.

IMG_1620E’ stato siglato martedì sera presso la direzione generale il protocollo d’intesa con cui prende il via il progetto Liu’ (life is unending, la vita non finisce).

“Grazie alla sensibilita’ sui problemi sociali del direttore generale dell’ Asp e Federfarma si e’ avviato un progetto per il recupero dei farmaci non scaduti in corso di validita’ che verranno raccolti dalle farmacie della provincia per essere riutilizzati nelle farmacie ospedaliere. Oltre a ridurre l’ impatto ambientale dovuto allo smaltimento dei farmaci, il progetto contribuisce a eliminare gli sprechi sanitari”, spiega la presidente di Federfarma Maria Ippolito

Con il risparmio per l’acquisto di farmaci l’iniziativa permetterà di liberare risorse che l’ Asp si impegna a utilizzare per migliorare l’ offerta sanitaria ai cittadini.

Si tratta di un progetto pilota in tutto il territorio nazionale, come lo è anche la farmacia di quartiere, che coinvolgerà per gradi le farmacie della provincia nissena. Inizialmente saranno 22 tra il capoluogo e San Cataldo, poi tutte e 75 le farmacie della provincia.

IMG_1615Alla firma del protocollo c’erano il direttore dell’Asp, Carmelo Iacono, la direttrice sanitaria, Marcella Santino, la presidente di Federfarma Maria Ippolito con il tesoriere, Barbara Iraci e tra gli altri il presidente dell’Ordine dei farmacisti, Valerio Varrica. Ma soprattutto c’erano i congiunti di Liù Lachina, Armando e Rossella, il marito e il figlio della farmacista, Davide e Lorenzo Lipani.

“E’ una finalità ad alto impatto sociale. Le persone guarite, o che non usano più una determinata cura, possono recarsi in farmacia e consegnare le confezioni di farmaci che noi faremo avere all’Asp per la redistribuzione”, aggiunge la Ippolito. Per il progetto saranno utilizzati particolari contenitori che consentiranno di introdurre i farmaci ma dai quali non sarà possibile più toccarli, per evitare manipolazioni.

“Un progetto bello per ciò che lo ha ispirato e per ciò che produce”, aggiunge il manager dell’Asp2 Carmelo Iacono. “Ci consente di recuperare farmaci non utilizzati in confezioni integre che verranno controllate. Saranno impiegati in ospedale, nella Rsa o direttamente forniti ai fruitori. La gente non sa spesso il costo reale di un farmaco e tante volte finiscono nella spazzatura farmaci dal valore elevato in termini economici. Oggi non possiamo quantificare il recupero economico che avremo con questo progetto, ma sono sicuro sarà ottimo e investito in progetti per l’azienda”.

A curare i dettagli dell’attuazione del protocollo d’intesa sarà la dirigente dell’Asp Antonella Campo.

Dopo la firma, il protocollo sarà inviato a Guardia di finanza e Nas, per conoscere eventuali criticità e dopo sarà attivo. Per sei mesi sperimentali con 22 farmacie di Caltanissetta e San Cataldo. Dopo i sei mesi sarà esteso a tutte le 75 farmacie della provincia.

Commenta su Facebook