La statua del Minatore Morente lasciata in un magazzino, il consigliere Bruzzaniti: “Si potrebbe mettere all’ingresso della città”

340

Nota del consigliere comunale Gianluca Bruzzaniti che di seguito pubblichiamo

Spesso sento dire che la nostra città non ha un’identità.
Probabilmente è vero, perchè negli anni non si è riusciti ad enfatizzare tutte quelle peculiarità che il nostro territorio possiede e che potrebbero essere un volano economico e culturale per la nostra città, ad esempio la posizione di centralità rispetto alle altre province siciliane, oppure la settimana santa o magari le miniere.
A proposito di miniere e di “carusi”, voglio tornare a soffermarmi su una proposta fatta all’attuale amministrazione che non stravolgerebbe sicuramente l’economia del nostro territorio, ma che, oltre ad abbellirlo, lo farebbe ancor di più identificare con ciò che rappresenta la sua storia, ovvero le miniere.
Qualche anno fa, in visita a palazzo Moncada, mi accorsi, insieme ad alcuni colleghi, che nel magazzino dello stabile, tra i tanti oggetti accantonati, vi era una bellissima statua in bronzo, il “Minatore morente” dell’artista nisseno Giacomo Scarantino.
Fu proposto all’assessore al ramo di attivarsi immediatamente affinchè l’opera potesse essere visibile a tutti i nisseni, in un’area della città, cosi come l’opera analoga, tradotta in gesso, che è esposta presso palazzo Moncada.
Alla proposta, accolta di buon grado dall’amministrazione, come spesso accaduto negli ultimi anni, non seguirono delle azioni concrete.
Oggi, a distanza di un paio d’anni, voglio tornare a sollecitare il recupero dell’opera dell’artista nisseno e la sua collocazione in un’area ben visibile, affinche tutti possano apprezzarla, dai residenti ai visitatori occasionali.
Un sito ottimale per la sua collocazione, potrebbe sicuramente essere la rotatoria all’incrocio tra via Due fontane e  via Leone XII (zona McDonald’s), che trovandosi proprio alle porte della nostra città, potrebbe al meglio rappresentare la nostra storia e la nostra cultura, manifestandola a tutti coloro accedono nella nostra città.

Commenta su Facebook