La scuola al tempo del covid. Tramezzi per nuove aule, arredi e sanitari: dal Comune 300 mila euro per il distanziamento

202

Pareti da abbattere per allargare alcune classi, arredi per rendere fruibili nuovi spazi o adeguare quelli già in uso. Sono alcune delle tipologie d’intervento necessarie per garantire il distanziamento sociale negli istituti scolastici di competenza del Comune di Caltanissetta per i quali la giunta Gambino ha approvato un piano complessivo di riqualificazione del valore di 310 mila euro.

Metro in mano, i presidi delle scuole collaborati dai tecnici in queste settimane sono stati impegnati a verificare la rispondenza degli edifici scolastici alle linee guida del ministero, del comitato tecnico scientifico e della Protezione civile per un avvio delle lezioni in sicurezza sotto il punto di vista dell’emergenza epidemiologica da coronavirus. Il Comune di Caltanissetta a fine giugno ha quindi partecipato al bando per la riqualificazione degli istituti scolastici nell’ambito di una nuova finestra aperta dal Governo per favorire interventi idonei al distanziamento sociale chiedendo la cifra di 310mila euro interamente finanziata. Adesso con il via libera della giunta comunale il responsabile del procedimento, Giuseppe Tomasella, capo dell’ufficio tecnico comunale, potrà dare il via agli affidamenti per lavori che si preannunciano molto celeri.

Sei progetti per un totale di 310mila euro che saranno spesi nei plessi di competenza comunale (scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado) dei cinque istituti comprensivi della città e in un circolo didattico. Gli istituto sono: Lombardo Radice, Martin Luther King, Antonino Caponnetto, Vittorio Veneto, Don Milani e Leonardo Sciascia.

I lavori prevedono a vario titolo la collocazione di nuove pavimentazioni nei bagni e nuovi sanitari, la tinteggiatura di aule, la realizzazione di tramezzi divisori per la creazione di nuove aule o la diversa organizzazione degli spazi, la collocazione della rubinetteria con comando a pedale o con fotocellula per evitare il contatto con le mani e altri interventi mirati.

“L’emergenza sanitaria ha portato a rideterminare gli spazi nelle scuole di competenza comunale – spiega l’assessore ai lavori publici, Marcello Frangiamone -. Sono stati programmati in tutte le scuole gli interventi necessari ad adeguare gli spazi e le aule dopo un lavoro di interlocuzione con le direzioni didattiche che hanno rappresentato le varie criticità. Dallo spostamento di una porta o alla realizzazione di un tramezzo per creare o adattare gli spazi, tutto è stato concertato e poi inserito in questo piano generale”.

Commenta su Facebook