La Nissa fa suo il derby contro il Licata per 2 a 1. Vittoria che riaccende l’entusiasmo per il campionato

2204

(di Vincenzo Di Maria) Dopo il digiuno dai tre punti,che durava da sette giornate, la Nissa fa suo il derby battendo il Licata per 2 a 1. Una gara giocata a viso aperto dalle due compagini che, nella totale correttezza si sono date battaglia per tutti i 95′ minuti di gioco. Meglio la Nissa che ha saputo concretizzare la mole di gioco trovando il vantaggio con il bomber Messina. Da lì in avanti i biancoscudati non hanno corso reali rischi sottoporta se non nei minuti finali quanto i gialloblù si sono proiettati in avanti per tentare di riacciuffare il risultato. Andando alla cronaca, dopo una prima fase di studio, primo tiro verso la porta all’8′ di Annizzotto, la conclusione defilata trova pronto Ammendola che abbranca la sfera. Due minuti dopo arriva la rete del vantaggio biancoscudato con il bomber Messina che, servito da Baracchini all’interno dell’area protegge abilmente la sfera e trafigge con un bolide l’estremo difensore Loverde.

La terna arbitrale di Nissa LicataAl 15′ ci prova ancora Messina, sugli sviluppi di un corner, la conclusione termina alta sulla traversa. Il Licata non riesce ad imbastire occasioni pericolose in avanti, mentre la Nissa mette soprattutto a centrocampo buona intensità. Al 35′ punizione calciata da Costanzo, la sfera dai 25 metri termina di poco a lato. Al 41′ sugli sviluppi di un corner, la Nissa vicinissima alla rete con Puccio, che di testa spedisce la palla di poco sopra la traversa.

Nella ripresa prova a farsi vedere in avanti il Licata, punizione al 5′ di Pavone, la conclusione termina alta sopra la traversa. Dal 10′ al 25′ girandola dei cambi per le due formazioni. Al 20′ ci prova in neo entrato Martorana , entrato al posto di Baracchini, la conclusione a giro dal limite termina alta sulla traversa. Al 29′ ajaxmail-3occasione per il raddoppio per la Nissa con Albino che, servito da Martorana, si invola verso l’area piccola ma proprio sul più bello la conclusione viene deviata in angolo dalla chiusura del difensore. Al 35′ ancora Nissa in avanti con Sammartino che tutto solo davanti al portiere, si fa bloccare la conclusione. Al 42 Licata in dieci per l’espulsione di Pira. In pieno recupero ancora emozioni, al 48′ con Di Franco entrato nella ripresa, che a porta sguarnita mette incredibilmente fuori da posizione favorevole. Un minuto dopo la Nissa trova il raddoppio che chiude la partita con Martorana, che servito da Sammartino deposita in rete. Nei secondi finali arriva il gol della bandiera per il Licata con Pavone ma troppo tardi per pensare di riaddrizzare le sorti della partita. Punti estremamente importanti per i biancoscudati che vedono con più fiducia le restanti partire. A fine gara abbiamo raccolto le impressioni dei due allenatori Sferrazza per la Nissa e Pardo per il Licata, raggiunti ai nostri microfoni.

Commenta su Facebook