La Nissa esce sconfitta, ma ottiene la salvezza diretta attraverso la differenza reti

1224

(di Vincenzo Di Maria) La Nissa, seppur sconfitta in casa dalla capolista Paceco per 2 a 0, ottiene la salvezza diretta soltanto all’ultima giornata di campionato e lo fa attraverso la differenza reti nel confronto diretto con la Pro Favara condannata ai play out. Un po’ troppo riduttivo rispetto a quello che hanno espresso i ragazzi di mister Sferrazza per tutto l’arco della stagione. Andamento certamente altalenante ma che ha fatto registrare straordinarie prestazioni al cospetto di vere e proprie corazzate programmate per vincere. Forse se non ci fossero state alcune sviste arbitrali che hanno condizionato l’esito delle partite o alcuni errori di approccio alla gara e forse una maggiore attenzione nella programmazione societaria staremmo a parlare di qualcosa di diverso.

Andando alla gara, al 10′ Nissa vicina al vantaggio, punizione di Di Franco di poco a lato. Al 12′ ci prova il Paceco, doppia conclusione dall’interno dell’area piccola di Terranova, ma Ammendola ben posizionato sul primo palo nega la gioia del gol. Al 21′ ospiti in vantaggio, sugli sviluppi di un calcio di punizione dal limite dell’area Bianchi impatta la sfera depositando alle spalle del portiere. Al 34′ si riaffaccia la Nissa con l’altra punizione calciata da Di Franco, il tiro viene parato in due tempi dal portiere. Si chiude così la prima frazione di gioco.

l'esultanza del Paceco
l’esultanza del Paceco

Nella ripresa al 1′ occasionissima per i biancoscudati con Di Franco, lanciato tutto solo da Firingeli, l’attaccante palermitano a portiere battuto trova pronto il difensore che respinge sulla linea. Al 12′ la Nissa resta in dieci per l’espulsione per doppia ammonizione di Ascia. Un minuto più tardi il Paceco raddoppia, sempre sugli sviluppi di un calcio di punizione stavolta è Terranova a superare di testa l’estremo difensore nisseno. Al 23′ conclusione da lontano di Firingeli di poco fuori. Al 27′ i biancoscudati vicini al gol con Sammartino, conclusione di testa da posizione ravvicinata che termina nelle braccia del portiere. Al 30′ ci prova con Parisi la conclusione a giro termina di poco a lato. Arriva così il triplice fischio dell’arbitro, che fa esplodere di gioia i giocatori del Paceco e i tifosi presenti in gradinata che festeggiano la promozione in D. Applausi anche da parte dei tifosi biancoscudati riservato ai giocatori per la salvezza ottenuta. Il giusto premio all’impegno e alla professionalità messa in campo da ogni singolo giocatore. Ma ascoltiamo le impressioni dei due allenatori Alessio Sferrzza della Nissa e Massimiliano Mazzara del Paceco raggiunti ai nostri microfoni.

 

Commenta su Facebook