La Nissa brinda all’Eccellenza: fusione con lo Sporting Vallone e titolo a Caltanissetta. Presentato anche il progetto giovanili

300

La Nissa Fc comunica di avere definito l’atto di fusione con la società Sporting Vallone. Le firme sono state apposte al documento che sancisce l’accordo nel pomeriggio di mercoledì. L’operazione consente di trasferire il titolo a Caltanissetta e di disputare il prossimo campionato di Eccellenza.

La società assumerà la denominazione di Nissa Football Club.

“Un momento storico per il calcio a Caltanissetta che potrà rivivere dopo tanti anni i mitici derby con Sancataldese, Akragas e Canicattì. È un grande regalo della società ai nostri tifosi sui quali confidiamo per affollare come ai vecchi tempi il nostro stadio Marco Tomaselli”,spiega la società in una nota.

“Un grazie va a tutta la dirigenza dello Sporting Vallone che ha dimostrato grande signorilità. Attendiamo adesso il via libera della FIGC che dovrebbe essere solo una formalità essendo stati rispettati tutti i requisiti previsti”

Intanto sempre mercoledì pomeriggio la dirigenza di Nissa Fc, Sport club Nissa e New Team ha formalizzato il progetto unitario per il settore giovanile.

La Nissa nel progetto di rilancio ha inserito una parte progettuale molto importante che riguarda i giovani. In modo che un giorno possano crescere e diventare i giocatori della prima squadra. Il progetto ha anche uno scopo sociale. “Il calcio – è stato detto in conferenza stampa – assume un ruolo importante ed educativo per la crescita dei nostri ragazzi”.

“Il progetto della Nissa comincia ad essere a 360 gradi – ha esordito il presidente Savio Ferreri -. Il primo passo è quello di far entrare i giovani. Abbiamo adesso un settore giovanile nutrito per un progetto ambizioso dalle giovanili alla prima squadra. Quindi un progetto a lungo termine. Responsabile sarà Luigi Abbate con Maurizio Lambendola, Natale Ferrante e Salvatore Cataldi”.

La conferenza stampa di mercoledì pomeriggio, organizzata per presentare il progetto delle giovanili ha preceduto di qualche ora l’annuncio del titolo dell’Eccellenza acquisito attraverso la fusione societaria con lo Sporting Vallone.

“La Nissa – ha detto il direttore generale Arialdo Giammusso – è una squadra che pensa al futuro e quindi non può che partire dai giovani. Pensiamo alla squadra come ambasciatrice di nissenità. Partendo dai giovani e dalla prima squadra che a breve riserverà soprese”.

Luigi Abbate, coordinatore del progetto riguardante le giovanili ha elencato i numerosi tecnici che coadiuveranno lo staff. Mister Enrico Massaro, Domenico Giarratana, mister Fabrizio Fama, Maurizio Salvaggio e una figura di coordinamento dell’area giovani individuata nel tecnico Giuseppe Colombo.

Le giovanili si presentano subito con squadre che affronteranno campionati regionali, ha chiarito Natale Ferrante, presidente della Sc Nissa. “Stabiliamo una sinergia sotto un unico nome. Ai regionali ci si siamo con i giovanissimi e vogliamo portare anche gli allievi”.

A curare la crescita dei più piccoli a partire dalla scuola calcio sarà Salvatore Cataldi con la New Team. “Auspico che questo progetto duri nel tempo affinché un vivaio possa crescere, amalgamarsi e quindi potersi esprimere ai più alti livelli, in prima squadra e oltre”, ha affermato il tecnico sottolineando che la Caltanissetta calcistica ne ha tutte le potenzialità. “Serve però un progetto a lungo termine di almeno 5 o 6 anni”.

Commenta su Facebook