La mozione di sfiducia arriva in Consiglio comunale. Ma l’opposizione è già spaccata

915

La mozione di sfiducia al sindaco Giovanni Ruvolo arriva in consiglio comunale. Il presidente del consiglio, Leyla Montagnino, ha infatti convocato l’aula per giorno 20 ottobre alle ore 17,00 a Palazzo del Carmine. La mozione di sfiducia per poter essere approvata necessita del voto di una maggioranza qualificata dei due terzi del consiglio comunale, ai sensi della legge regionale 35 del 1997, che per il civico consesso nisseno si traduce nel voto di almeno 20 consiglieri comunali. Sono invece 16 coloro i quali hanno firmato la sfiducia al sindaco, su un totale di 17 consiglieri dell’opposizione. Ma alla luce delle recenti spaccature in seno allo schieramento di opposizione, con le accuse rivolte da Caltanissetta Protagonista prima al Movimento 5 Stelle e poi al gruppo misto, il traguardo appare ancor più difficile.

Recentemente, dopo l’ultimo rimpasto di giunta, sono passati all’opposizione interi gruppi che prima sostenevano la Giunta Ruvolo, come il Patto etico Responsabile (oggi Sicilia Futura) ed i “Moderati per Caltanissetta”, ma anche singoli consiglieri, come Adriana Ricotta dell’Udc.

Commenta su Facebook