La cronaca spacca la politica. L’Udc disconosce il comunicato di “Alleanza per la città” in toto

928

Il segretario cittadino dell’Udc, Felice Dierna in una breve nota pervenuta in redazione disconosce i contenuti del documento della maggioranza sul recente caso di cronaca che ha visto come vittima una ragazza universitaria e presunti autori di violenza sessuale e altri gravissimi reati un gruppo di stranieri, sei nigeriani e un gambiano da tempo residenti in città.

“In riferimento al comunicato stampa pubblicato in data odierna, a firma alleanza per la città e maggioranza, in merito alla violenza perpetrata alla ragazza ventenne di San Cataldo, si comunica che il nostro partito si era già espresso nei giorni scorsi con un proprio comunicato”, scrive il partito centrista.

“Pertanto l ‘ UDC non condividendo i contenuti dello stesso, si dissocia dalle conclusioni espresse nel’ articolo. Si precisa che l’UDC non ha sottoscritto alcun documento se non quello inviato a firma del gruppo consiliare”.

Nella nota precedente del solo gruppo consiliare dell’Udc, infatti, il partito aveva apertamente criticato il sindaco Giovanni Ruvolo e l’amministrazione su diversi temi, tra cui la mancata attivazione della videosorveglianza per la sicurezza, ma anche la presidente del consiglio comunale, Leyla Montagnino del PD, era stata criticata per la gestione del consiglio comunale sul tema dell’immigrazione.

Adesso la smentita di una nota ufficiale, pervenuta in redazione dal coordinatore cittadino del Polo Civico, Carlo Campione, a nome di tutta l’alleanza, su un tema delicato su più fronti. Quello della violenza su una giovane donna, ma anche il clima intorno alla presenza di immigrati che si surriscalda anche per via dei molti che soffiano sul fuoco.

 

Commenta su Facebook