L’ Istituto d’istruzione “Luigi Russo” incontra… Antonino Caponnetto e Pio La Torre

(riceviamo e pubblichiamo) Giornata dedicata alla legalità, quella del 9 maggio 2016, per i ragazzi dell’I.I.S.S. “Luigi Russo” di Caltanissetta, che con grande entusiasmo hanno accolto l’invito dell’amministrazione comunale, nella persona del Sindaco Giovanni Ruvolo e dell’assessore alla Pubblica Istruzione Marina Castiglione, a partecipare ad eventi sul tema della Giustizia e della lotta alla mafia.

Già da alcuni anni l’I.I.S.S. “L. Russo” lavora in stretta collaborazione con il centro “Pio La Torre” per diffondere la cultura della legalità. E a ciò si deve la nascita di un laboratorio teatrale di studenti e docenti che si è proposto di mettere in scena al Supercinema “Pezzi di fango”, liberamente tratto dal dramma didattico “Fango” di Gabriello Montemagno, giornalista di “Repubblica”, in cui viene affrontato il tema del rapporto mafia – politica dal 1982 al 1994, dall’uccisione, cioè, di Pio La Torre a quella di Falcone e Borsellino.

Ha creduto fortemente in questa idea il Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Rita Basta, che ha sostenuto i docenti dell’Istituto e spronato gli alunni alla messa in atto dell’opera. Grande è stato lo spirito di collaborazione dei professori Linda Urrico, referente del progetto Legalità, Giovanni Bartolozzi, Pierangelo Cigna, Oscar Dell’Aira, Adriana Lachina, Maria Josè Lombardo, che hanno lavorato insieme agli alunni Alessia Acquaviva, Luca Formica, Gaetano Mosca, Francesco Lapaglia, Francesco Savoia, Rossella Garofalo, Chiara Marino, Alessandra Gatto, Sharon Sanfilippo, Francesco Sardo, Jordan Tumminelli, Giovanni Perri, Greta Tassone, Elena Culmone, Alessia Ciulla, Martina Fiorella, Claudia Bellomo, Giorgia Dell’Utri, Francesca Graci.

La rappresentazione è stata un vero successo e costituisce un fiore all’occchiello dell’I.I.S.S. “L. Russo” di Caltanissetta.

Mentre al Supercinema si metteva in scena “Pezzi di fango”, una delegazione di studenti dell’Istituto, composta dagli alunni della III A ind. econ, guidati dalla prof.ssa M. Serena Cammilleri, partecipava nel nostro bellissimo Teatro Margherita alla manifestazione “Ricordi di nonno Nino”, in occasione dell’anniversario della nascita di Antonino Caponnetto, fondatore del pool antimafia, cui proprio la città di Caltanissetta ha dato i natali.

L’avvio alla conferenza è stato dato dal Sindaco, dott. Giovanni Ruvolo, che, dopo aver letto una lettera del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sul ruolo fondamentale svolto dal giudice Caponnetto nell’istruzione del maxiprocesso, ha sottolineato l’importanza della formazione scolastica dei giovani, unica speranza del futuro.

Si sono avvicendati sul palco personaggi autorevoli, come il Presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta, Salvatore Cardinale, il giudice Leonardo Guarnotta, il Dirigente Scolastico Mario Cassetti, Rita Borsellino e lo stesso figlio di Antonino Caponnetto, Massimo. Tutti hanno ricordato con viva commozione la figura di “Nonno Nino”, come uomo che viveva per la famiglia, e come magistrato che metteva a disposizione la sua esperienza e la sua professionalità per collaborare con eminenti magistrati quali Falcone e Borsellino e sconfiggere la mafia.

Gli studenti delle scuole di Caltanissetta di ogni ordine e grado hanno partecipato alla celebrazione di questo magistrato con canti, cartelloni e ricordando alcune sue memorabili parole.

E’ arrivato poi il turno degli alunni dell’I.I.S.S. “Luigi Russo” che, spinti da una profonda sensibilità e da una fede pura nei grandi ideali di Giustizia e di Onestà, hanno dato il loro contributo personalissimo all’evento scrivendo delle riflessioni sull’importante ruolo che la scuola può svolgere nella formazione della coscienza civica dei giovani e componendo dei versi altamente lirici.

Quattro le ragazze che sul palco hanno rappresentato l’I.I.S.S. “L. Russo”: Serena Ricotta, Chiara Cappellino, Costanza Grasso e, infine, Alessia Condello, autrice della poesia “L’avessi vista la mafia”.

A conclusione dell’evento positivi sono stati i commenti dei partecipanti e degli spettatori che si augurano che l’amministrazione comunale continui nell’opera di sensibilizzazione dei giovani e dei cittadini in generale sull’importante tema della Legalità.

Commenta su Facebook