Inutile fuga a piedi per il sottopasso della stazione. Fermato un pusher dalla Polizia

851

Denunciato dalla polizia un pusher per spaccio, sorpreso con hashish per dieci dosi, dopo un inseguimento partito dal dopolavoro ferroviario gli agenti lo hanno bloccato in Piazza Mercato Grazia.

Sono stati gli agenti della Polizia di Stato della Sezione Volanti, in servizio di pattugliamento nel centro storico, alle ore 18.50 di ieri, nel transitare per Via De Gasperi, nei pressi del dopolavoro ferroviario, a notare un cittadino di nazionalità tunisina 39enne, già noto alle forze dell’ordine per la sua attività di spacciatore, nell’atto di cedere qualcosa che teneva in mano ad un’altra persona a bordo di un’autovettura.

Il pusher e l’acquirente accortisi della presenza dei poliziotti si sono dati a precipitosa fuga in opposte direzioni. Il presunto acquirente ha fatto perdere le proprie tracce, mentre lo spacciatore ha imboccato di corsa il sottopassaggio ferroviario, sbucando in Piazza Roma e continuando la fuga in direzione Piazza Mercato Grazia, dove è stato bloccato da un’altra pattuglia della Polizia nel frattempo intervenuta.

Il pusher prima di darsi alla fuga si è liberato di un pacchetto di sigarette recuperato dai poliziotti, all’interno del quale c’era una quantità di hashish utile per confezionare circa dieci dosi al consumo.

L’uomo, compiutamente identificato per un 39enne di nazionalità tunisina, residente nel Capoluogo, senza fissa dimora, con precedenti di polizia per spaccio è stato condotto in Questura e, dopo gli adempimenti di rito, denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Negli ultimi mesi la Polizia di Stato, nell’ambito delle attività di polizia giudiziaria finalizzate alla prevenzione e repressione dello spaccio e dell’uso illecito di sostanze stupefacenti, ha sequestrato 1104 grammi di hashish, 1524 grammi di marijuana e 16 grammi di cocaina, togliendo dal mercato circa 7000 dosi di sostanze stupefacenti.

Commenta su Facebook