Interruzioni fornitura idrica. Siciliacque farà "radiografia" acquedotto

786

Una capillare serie di verifiche da parte di Siciliacque per “radiografare” le condizioni dell’acquedotto del Blufi ed individuare le maggiori criticità sulle quali intervenire prioritariamente. Un rinnovato impegno da parte di Caltaqua a rendere ancora più tempestiva la comunicazione delle interruzioni di approvvigionamento idrico anche attraverso l’installazione – in coordinamento con le amministrazioni comunali – di una serie di monitor dislocati nelle aree cruciali della città.
Sono queste alcune delle indicazioni emerse dal confronto, svoltosi anche su sollecitazione di Caltaqua, gestore del servizio idrico per la provincia di Caltanissetta, che è stato presieduto dall’ATO CL6, con il fornitore Siciliacque ed i sindaci di Mazzarino, Delia e Milena.
Sul tavolo è stata posta la valutazione dello stato attuale del servizio idrico alla luce dei disagi lamentati nelle ultime settimane dalle popolazioni di alcuni comuni riforniti attraverso la “rete” del Blufi a causa di disservizi verificatisi nell’approvvigionamento da Siciliacque e sui quali, dunque, Caltaqua, quale gestore del servizio di distribuzione , non ha avuto alcuna responsabilità.
Dall’incontro è anche emerso che Siciliacque incrementerà la manutenzione “preventiva“ lungo la rete, ormai vetusta, attivando anche un sistema evoluto di telecontrollo che renderà possibile il monitoraggio continuo dei 50 Km di condotta permettendo, in caso di guasto, il tempestivo intervento delle squadre di manutenzione. Siciliacque, inoltre, si farà parte attiva – di concerto con ATO CL6, amministrazioni comunali e Caltaqua – per sollecitare un incontro con l’Assessore regionale all’energia al fine di velocizzare, con l’aiuto della Regione, socio di maggioranza di Siciliacque, il progetto di rifacimento dell’intera conduttura.
Caltaqua ha, infine, ribadito la propria disponibilità a garantire un servizio di autobotti nei siti sensibili, durante le interruzioni.

Commenta su Facebook