Innovazioni, nasce “l’acchianata degli scarpari”. Le tante incongruenze del traffico in centro storico

1446

L’idea iniziale era quella di far partire la Ztl in corso Vittorio Emanuele e, solo in una fase successiva, dopo lo studio approfondito delle soluzioni e delle conseguenze, attivare il piano traffico presentato dal sindaco Giovanni Ruvolo a Marzo del 2015, quando annunciò ai commercianti (che abbandonarono la riunione) che sarebbe sorta una terza isola pedonale in piazza Garibaldi.

Ma il sindaco Giovanni Ruvolo pare abbia insistito per far partire da subito l’isola pedonale in corso Umberto, davanti la Cattedrale. E dall’11 gennaio sono iniziati i disagi per automobilisti e residenti e le proteste dei commercianti, vanificando in termini di benefici l’apertura a Ztl del nuovo tratto di Corso Vittorio Emanuele, pur richiesta a gran voce dalla Confcommercio.

Allora come oggi, infatti, il problema rimane la viabilità alternativa al tratto di corso Umberto (in tutto 50 metri) interdetto alle auto in prossimità della Cattedrale.

Un percorso tortuoso che costringe le auto a districarsi tra viuzze e spazi ristretti come via Camillo Genovese, via Tumminelli e infine la via Paolo Emiliani Giudici, il cui senso di marcia è stato invertito. Uno stretto imbuto per un traffico veicolare dal grande flusso nelle ore di punta.

Con l’aggravante, fanno notare dal comitato di quartiere Santa Croce, che le auto rimangono incolonnate a passo d’uomo in salita, facendo salire alle stelle le polveri sottili. Le quattro vie di collegamento del quartiere, sono indirizzate tutte in uscita e i negozi di corso Vittorio rimangono deserti.

Problematiche che l’assessore alla viabilità, Amedeo Falci, non nasconde, ammettendo che si tratta di una sperimentazione di alcuni giorni al termine della quale si prenderanno delle decisioni.

Troppe le incongruenze.

Il Comune non è ancora in possesso di tutta la segnaletica, per il cui acquisto è stata esitata una procedura negoziale di 36 mila euro. Perché allora accelerare un piano traffico che prevede cambi di sensi di marcia e percorsi per gli automobilisti?

In via Paolo Emiliani Giudici, infine, il cambio di senso di marcia ha solleticato l’umorismo di un utente Facebook, che abbiamo utilizzato nel titolo. La “scinnuta degli scarpari”, adesso, dobbiamo chiamarla “acchianata”?.

Commenta su Facebook