Infermieri e Oss assunti per il covid trasferiti in altri reparti, la Cgil chiede di impiegarli per l’emergenza

Nota stampa della Cgil provincia di Caltanissetta e della Fp Cgil a firma della segretaria generale Rosanna Moncada e del componente della segreteria Fp Angelo Polizzi

Per il secondo anno consecutivo ci ritroviamo di fronte ad una pandemia la cui diffusione non si arresta principalmente a causa di comportamenti poco rispettosi della salute e della sicurezza collettiva e nonostante il ricorso alla campagna vaccinale che avrebbe dovuto porre un freno al contagio e al ricorso alle terapie intensive. Purtroppo l’esperienza passata non è servita, l’inadeguatezza della gestione della Sanità da parte del governo Regionale sta mostrando tutti i limiti del nostro sistema sanitario. La mancanza di lungimiranza da parte della dirigenza generale dell’ASP di Caltanissetta e l’incapacità di prevedere il diffondersi del virus attraverso lo sviluppo della variante facilitata soprattutto dalla stagione estiva, a nostro parere è assolutamente “in linea” con il Governo Regionale.

Temevamo uno sviluppo della pandemia così come si è verificato tant’è che oltre a sollecitare di effettuare sul personale sanitario la ricerca di anticorpi indotti post vaccinazione come fondamentale tutela degli operatori sanitari, fin dai primi giorni di luglio abbiamo chiesto un intervento rispettivamente al direttore facente funzioni del Distretto Ospedaliero di Caltanissetta e al Dirigente Infermieristico e poi con una nota indirizzata al Dirigente Generale presso l’Assessorato alla Salute Dott. Ing. M. La Rocca per il mantenimento degli standard assistenziali previsti nei reparti COVID a seguito della disposizione del 01.07.2021 a firma del Dirigente Professioni Sanitarie PO Sant’Elia di Caltanissetta, con la quale, cosi come stabiliva una nota assessoriale del 18.06.2021, si riallocava personale COVID in UU.OO.CC. no COVID cons eguentemente al progressivo ripristino delle relative attività sanitarie.

La nostra richiesta teneva conto che dal 18/06/2021 la curva Pandemica aveva avuto una netta impennata e che solo nella nostra provincia ben 3 Comuni erano già in zona rossa e si considerava inoltre e da comunicazione ufficiale dell’Azienda risultavano assunti ben 120 Infermieri e 230 OSS circa per i reparti COVID. Il personale del pronto soccorso COVID di Caltanissetta e Gela risulta drasticamente ridotto e sovraccaricato e di contro il personale assunto per l’emergenza non sembra che venga impegnato nei Presidi che hanno pazienti COVID come il Sant’Elia di Caltanissetta e il Vittorio Emanuele di Gela e invece sembrerebbe allocato tra vari ambulatori, dove le attività dei medici chiudono e gli infermieri aumentano, e anche nei Presidi non COVID.

L’ASP di Caltanissetta dichiara di avere 20 posti di rianimazione COVID al presidio Sant’Elia che in realtà è chiusa da tempo, mentre dirotta pazienti meritevoli di cure da parte dell’UOC rianimazione in altre strutture. Tutto ciò è incomprensibile!

Il Direttore Generale continua a eludere le richieste, nonostante un accordo sulla mobilità interna, continua a spostare il personale senza una reale corrispondenza a reali esigenze organizzative e di offerta sanitaria. Infine decide a fine stagione di convocare tutte le OO.SS. incluse quelle non firmatarie dei CCNL (l’osservanza dei contratti sembrerebbe una mera banalità per questo manager) per cosa? Per gettare ancora fumo negli occhi con promesse di assunzioni, di opportuna gestione del personale e di mantenimento dei livelli di assistenza e, infine, per dirci che lui fa le cose per bene e le responsabilità vanno cercate altrove. Fino ad ora come è stata gestita la risposta sanitaria dell’ASP di Caltanissetta, relativamente all’organizzazione del lavoro sul fronte della pandemia e sull’offerta sanitaria ordinaria, a nostro pare è assolutamente deficitaria in tutte le strutture, l’evidenza è davanti gli occhi di tutti, purtroppo.

Commenta su Facebook