Indagini giudiziarie: con l’Entomologia Forense la verità è più vicina.

1989

Con l’inaugurazione del “Laboratorio Internazionale di Entomologia Forense”, ubicato al Cefpas di Caltanissetta,  avvenuta venerdì 6 novembre nell’aula magna del Consorzio Universitario della nostra città, è stata scritta una pagina importante, forse determinante, nella storia delle indagini giudiziarie.

La d.ssa Claudia Sollami
La d.ssa Claudia Sollami

L’incontro con le massime autorità del settore, con personalità e ospiti di grandissimo riguardo, è stato organizzato e voluto dall’Entomologa nissena d.ssa Claudia Sollami che ha profuso in questo evento e soprattutto negli accadimenti che ne sono alla base, la sua passione di studiosa e la pervicacia di chi, consapevole della validità di un progetto, vuole costruire qualcosa che costituisca un fiore all’occhiello per la propria città e un punto di riferimento per la magistratura, per gli inquirenti, per i medici legali e per tutti coloro che, davanti a eventi delittuosi, sono alla ricerca della verità.

Questo “qualcosa”  si chiama Entomologia Forense”, una scienza relativamente nuova che si propone, attraverso lo studio degli insetti che infestano un corpo senza vita, di fornire agli inquirenti, in caso di morte accidentale, elementi che possano contribuire a individuare con maggiore certezza il responsabile.

Intervista alla d.ssa Claudia Sollami, Entomologa

Tutto nasce da un incontro con il sindaco Giovanni Ruvolo al quale Claudia Sollami, non volendo far parte del già ricco novero di “cervelli in

La d.ssa Denise Gemmellaro
La d.ssa Denise Gemmellaro

fuga” e alla ricerca di valorizzazione del proprio talento, si era rivolta per chiedere aiuto – anche sotto forma di consigli – allo scopo di potere avviare un laboratorio di entomologia a Caltanissetta.

Ad agosto scorso, assieme alla d.ssa Denise Gemmellaro, in quel periodo a Caltanissetta, fu ricevuta dal sindaco. Esaminando le varie soluzioni possibili, venne fuori un’idea che, alla fine,  risultò essere vincente: utilizzare il laboratorio di biologia esistente,inutilizzato, ma con tutte le attrezzature ancora in grado di funzionare.

Intervista alla d.ssa Denise Gemmellaro, Entomologa

Bisognava verificarne le condizioni e soprattutto parlare con il proprietario, ossia il Consorzio Universitario il cui presidente Emilio Giammusso sposò subito l’idea di affidare alla d.ssa Sollami quelle attrezzature da utilizzare per il laboratorio di Entomologia.. Nel frattempo, si stava istituendo al Cefpas il Campus biomedico dove il prof Giammusso pensò bene di trasferire il laboratorio dalla vecchia sede di via Real Maestranza. Il resto è storia. Il laboratorio di Entomologia Forense, con le attrezzature “tirate a lucido” è oggi una realtà.

Il presidente del Consorzio Universitario Emilio Giammusso
Il presidente del Consorzio Universitario prof. Emilio Giammusso

È stato il prof. Emilio Giammusso, presidente del Consorzio Universitario, ad aprire i lavori dando il benvenuto ai presenti e accennando alle potenzialità enormi possedute da quella materia relativamente giovane che è l’Entomologia Forense. Messaggi di saluto da parte del direttore del Cefpas Angelo Lo Maglio e dell’avv. Emanuele Limuti presidente della Scuola Forense di Caltanissetta.

Subito dopo, sollecitato da altro impegno istituzionale,  ha preso la parola il Rettore Magnifico dell’Università di Palermo, prof. Fabrizio Micari che, con una dotta dissertazione, ha messo in relazione studio e conoscenza con il territorio in cui viviamo.

Primo dei relatori il dr Giovanbattista Tona che ha esaminato il problema delle indagini giudiziarie in tutte le sue componenti, facendo il punto sull’importanza che, in questo campo, l’Entomologia Forense potrà avere e definendo gli insetti in argomento dei “testimoni muti”.

“Adesso voglio presentare la d.ssa Claudia Sollami – ha detto il prof. Giammusso durante l’inaugurazione – e devo dire che oltre le sue qualità, le sue doti e le sue competenze, ci sono state due cose che mi hanno convinto a decidere, assieme ai componenti del CdA, che questa era una cosa che si doveva fare. La prima cosa che mi ha convinto è stata la sua testardaggine. Ho capito subito che lei voleva tracciare una nuova attività che si intersecava con il nostro solco, e cioè con le caratteristiche di unicità e di innovazione. E poi, mi sono convinto anche chiedendo ad altri e svolgendo un’ indagine conoscitiva, che  questo era uno strumento futuribile straordinariamente potente per vari settori tra cui quello investigativo”.

Intervista al dr Giovanbattista Tona, Consigliere di Corte d’Appello

Il dr Giovanbattista Tona
Il dr Giovanbattista Tona

Non senza un pizzico di emozione, quindi, la d.ssa Sollami, ha illustrato il laboratorio e ha parlato di tutto quello che, al suo interno, l’Entomologia Forense consentirà di fare. Non soltanto dal punto di vista delle indagini giudiziarie ma anche per quanto riguarda il settore della veterinaria (animali infetti, ndr) e le contaminazioni delle derrate alimentari.

Subito dopo ha preso la parola la d.ssa Denise Gemmellaro, Entomologa, Dottoranda e docente di Entomologia alla “University of  Rutgers”

U.S.A., consulente  del Laboratorio inaugurato, che ha affrontato l’argomento più in profondità e dal punto di vista prettamente scientifico, restituendo un’immagine di grande professionalità senza mai “vendere fumo” e sottolineando che l’Entomologia Forense può dare delle indicazioni e fornire indizi che, assieme agli altri indizi già raccolti, possono, appunto, indicare la via da seguire alla ricerca della verità. “Io posso dire cosa ho trovato

Il Rettore Magnifico dell'Università di Palermo prof. Fabrizio Micari
Il Rettore Magnifico dell’Università di Palermo prof. Fabrizio Micari

e quali sono le mie risultanze e le mie deduzioni – ha detto la giovane ricercatrice – ma non avanzerò mai  ipotesi di innocenza o di colpevolezza, compito che spetta agli investigatori”.

Certo è, che potere stabilire, con sufficiente approssimazione, la data e in molti casi anche l’ora del decesso, potrà cambiare radicalmente un impianto accusatorio o potrà fare emergere colpe sino a quel momento non sospette.

Ha sorpreso molto, per la verità, la relazione di Gaetano Granatelli, un giovane studente che frequenta il 5° anno del Liceo Scientifico a Roma, appassionato di insetti sino al punto di allevarli che, assieme alla d.ssa Sollami e alla d.ssa Gemmellaro ha frequentato, pur in mancanza di un titolo che ne giustificasse la partecipazione, un workshop di Entomologia in America, risultando il migliore del suo gruppo e conseguendo i voti più alti.

Intervista allo studente Gaetano Granatelli

Concludendo le relazioni, il dr Carlo Rossitto, medico legale operante a Catania, ha riconosciuto la grande importanza di una collaborazione

Gaetano Granatelli
Gaetano Granatelli

tra Medico legale ed Entomologo, guardando molto positivamente alla evoluzione che sicuramente l’Entomologia Forense vivrà.

Una serata in cui oltre agli addetti ai lavori, anche il pubblico più “sensibile” è rimasto affascinato da questa materia, per noi nuova e intrigante, che due giovani ricercatrici intraprendenti, determinate e preparate faranno di tutto per portare a livelli di eccellenza e a far sì che la giustizia, nella sua accezione più nobile e bella, abbia la vita un po’ più facile.

FOTOGALLERY

Nota della Redazione:

a tutti coloro che volessero scaricare una o più foto pubblicate nell’articolo e/o nella fotogallery seguente, per farne uso pubblico, ricordiamo di citare la fonte “Radio Cl1″                                                                              

Cliccare sulle foto per ingrandirle e salvarle

Commenta su Facebook