Incontro operativo in Prefettura. Misure di sicurezza e coordinamento per le manifestazioni pubbliche

1488

Progetti dettagliati da parte degli organizzatori, vie di entrata e di uscita dalle piazze, biglietti conta persone, sbarramenti agli accessi. Sono alcune delle misure di sicurezza estese a tutti gli eventi, spettacoli, concerti e processioni in provincia di Caltanissetta. Misure già adottate in occasione del Palio dell’Alemanna a Gela e che verranno replicate per la processione di San Michele il 29 settembre e la Fiera che si terrà in quei giorni. Le decisioni assunte in un incontro operativo in Prefettura.

Martedì 19 settembre si è tenuta in Prefettura a Caltanissetta una riunione operativa presieduta dal prefetto Maria Teresa Cucinotta, con i 22 Sindaci della Provincia, i vertici delle forze dell’ordine, i responsabili dei Suap ed i comandanti della Polizia Municipale per discutere le problematiche legate agli aspetti di safety e security e delle misure di protezione civile e antiterrorismo durante i prossimi eventi pubblici: sagre, fiere, spettacoli e processioni.

In seguito alle direttive del Ministero dell’interno impartite per la salvaguardia della sicurezza pubblica a seguito dei recenti attentati terroristici nelle principali città europee e del falso allarme in piazza San Carlo a Torino, dalle conseguenze rovinose, sono state stabilite in provincia di Caltanissetta maggiori e più coordinate misure di sicurezza per le manifestazioni pubbliche e religiose.

Regole e accorgimenti che interessano anche le procedure di competenza della Commissione Provinciale Pubblici Spettacoli e della Commissione Comunale di Vigilanza.

Secondo le nuove disposizioni, in occasione di sagre, fiere, processioni, mercatini ed eventi vari, dovranno essere individuate vie di esodo, disposti tornelli di ingresso ed operati sbigliettamenti numerici conta persone. Sempre in via preventiva, dovranno essere elaborati ad hoc efficienti piani di emergenza capaci all’occorrenza di coordinare vari operatori e mezzi di soccorso, come quelli dei vigili del fuoco e del 118.

I vigili del fuoco prevedono una convocazione almeno 5 giorni prima della riunione, con progetto allegato, con cui il proponente e l’organizzazione effettuino preventivamente la valutazione dei rischi, presentando le azioni ed i piani di emergenza.

Permane il divieto stabilito dall’ordinanza sindacale di consumare alcool e bottiglie di vetro. E’ stato stabilito di operare una distinzione tra le vie d’ingresso e di uscita e di adottare misure di sbarramento nelle vie d’accesso con Jersey o mezzi delle forze dell’ordine.

 

Commenta su Facebook