Incidente mortale sulla Ss626: due persone indagate per omicidio colposo

717

Ci sono due indagati per l’incidente mortale che si è registrato venerdì all’ora di pranzo lungo la strada statale 626 Caltanissetta-Gela. Si procede per omicidio colposo e sul registro c’è il nome di Andrea Nicosia, l’istruttore di scuola guida che era al volante della Peugeot 308 che viaggiava in direzione Gela e che avrebbe invaso la corsia opposta forse per via dell’asfalto scivoloso. Ma c’è anche il nome del camionista che trasportava le lastre di vetro a Caltanissetta che ha evitato l’impatto con l’utilitaria andando a finire però contro il guardrail. Atti dovuti da parte del sostituto procuratore Luigi Lo Valvo perché c’è da ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. La Peugeot 308, l’Y10 e il Daily sono stti sequestrati per poter effettuare delle perizie nella ricostruzione del sinistro. Lo prevede la legge così i veicoli sono ora in un deposito in attesa che vengano prese nuove disposizioni. Nello scontro tra la Peugeot e la Y10 hanno perso la vita lo studente di 16 anni di Gela Angelo Scalzo e il commerciante di Riesi Giuseppe Danese, di 52 anni. Altre quattro persone sono rimaste ferite.

Commenta su Facebook