Inchiesta pm Palermo su Piano rifiuti Sicilia

283

Punta su una delle grandi incompiute siciliane l’ultima inchiesta della Procura di Palermo: il piano regionale sui rifiuti, da anni in calendario e ancora non approvato. L’indagine che ha portato all’arresto del “re” dell’eolico Vito Nicastri e del faccendiere vicino alla Lega Paolo Arata, nata da un giro di mazzette per facilitare gli iter di progetti in materia di biometano, stando a quanto riportato dall’Ansa ha portato all’apertura del nuovo filone d’inchiesta.
I pm, coordinati dall’aggiunto Paolo Guido, stanno tentando di capire se ci siano state pressioni per avvantaggiare imprese legate ad ambienti politici e se siano coinvolti burocrati regionali. Nelle scorse settimane, nell’ambito dell’indagine su Nicastri e sulle mazzette pagate a funzionari regionali – l’imprenditore ha fatto diverse ammissioni –

Commenta su Facebook