Incendio rifiuti quartiere Provvidenza, il Comitato di quartiere non accetta la morale dei social

198

Come è noto nei giorni scorsi, al quartiere Provvidenza, è stato incendiato un cumulo di rifiuti depositati da ignoti a ridosso della Chiesa. Allora,tutti a dare addosso agli abitanti dello storico quartiere, definiti incivili. Soprattutto sui social, la reazione dei nisseni è stata inclemente tanto da suscitare le ire del Comitato di quartiere che, in una lettera inviata alla nostra redazione, condanna chi generalizza  sulla inciviltà degli abitanti.

Di seguito il comunicato del Comitato di Quartiere Provvidenza

In questi giorni, caratterizzati da tanto scoramento per le vicende note a tutti, ci rincresce particolarmente dover intervenire in merito ai recenti accadimenti avvenuti nel rione Provvidenza. Da cittadini responsabili che in maniera gratuita e disinteressata, si mettono a servizio della propria comunità, ci meravigliamo dei toni utilizzati per descrivere la deprecabile azione che alcuni vandali hanno compiuto incendiando un cumulo di rifiuti abbandonato a ridosso della chiesa Provvidenza.

Riteniamo tale atto non un sintomo di inciviltà dei cittadini del quartiere, ma un vilipendio alle persone oneste che lo abitano e che certamente conferiscono i rifiuti in maniera corretta. Ci dispiace molto sentire i rimproveri diretti alla bolgia dei social che faticano a comprendere il problema e minimizzano sulla civiltà o prospettino misure dure di controllo del territorio. Ci dogliamo di sentire repliche politiche sterili, su responsabilità “morali” e non sui fatti.

Lo scopo di un comitato di quartiere in una zona particolare come quella del rione Provvidenza non è solo quello di rappresentare le istanze degli abitanti… non si tratta di “amministrare” una comunità, ma di promuoverla attivando pratiche virtuose, coinvolgendo tutti gli attori territoriali che lo desiderano. Non raccogliamo l’appello del “siamo abbandonati” perché non vogliamo essere salvati dal politico di turno. Vogliamo rideterminare la nostra condizione partendo dai più fragili. E vorremmo che le istituzioni rispettassero il quartiere comprendendo i problemi e cercando una via che sia una soluzione e non una punizione. Comprendere i problemi è il primo passo per la soluzione dei problemi. Il comitato di quartiere è sempre disponibile a ragionare di progetti e di azioni concrete, non curandosi dei proclami sui social.

Comitato di quartiere Provvidenza – San Giuseppe

 

Commenta su Facebook