Inaugurato a Delia il monumento ai bambini non nati

694

Un monumento dedicato ai bambini mai nati. E’ stato inaugurato sabato pomeriggio presso il cimitero comunale di Delia.

“L’opera, ideata e realizzata dallo scultore Francesco Fazio,  – si legge nella targa posta sul monumento – è stata fortemente voluta dal Centro di Aiuto alla Vita (CAV) “Pasqualina Parisi” e dal sindaco Gianfilippo Bancheri al fine di ricordare e pregare per tutti i bambini non nati”.

Il monumento è stato benedetto dall’arciprete don Carmelo Carvello. Allo scoprimento della scultura c’erano, oltre al sindaco Bancheri, alla presidente del CAV Floreana Fazio, all’autore dell’opera Francesco Fazio, anche il vice sindaco Calogero Lo Porto, gli assessori comunali Piera Alaimo, Maria Concetta Giuliana, Antonio Gallo e i soci dell’associazione.

<<Il monumento – ha detto Gianfilippo Bancheri – vuole essere un luogo di preghiera per quanti hanno subito questo tragico evento. E’ stato posto all’entrata del cimitero per dare la possibilità a tutti di riflettere sulla maternità e sul significato e il valore della vita. Un inno alla vita>>.

Nel suo discorso il primo cittadino ha ricordato la canzone di Fiorella Mannoia “Che sia benedetta”, citando in particolare il brano “Per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta/Per quanto sembri incoerente e testarda se cadi ti aspetta/E siamo noi che dovremmo imparare a tenercela stretta/A tenersela stretta”.

Una riflessione rimarcata anche dalla presidente del CAV di Delia, Floreana Fazio.

<<Oggi – ha detto – siamo disorientati dai fatti di cronaca che dimostrano la perdita dei valori fondanti della vita. Il monumento vuole esprimere invece i sentimenti autentici legati alla vita, mostrando il dolore di una donna che non ha potuto abbracciare e conoscere il proprio figlio. Ed anche la speranza, che per un cristiano è certezza, che ogni bambino non nato è stato accolto nelle mani di Dio>>.

Commenta su Facebook