In bus con due litri e mezzo di metadone. Carabinieri arrestano presunto corriere

578

Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della compagnia di Caltanissetta, a seguito di un’intensificazione dei servizi volti alla prevenzione ed alla repressione del reati inerenti il traffico di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto Antonio Giannone, nisseno di quarantasette anni, disoccupato, pregiudicato, per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente.

Antonio GiannoneCarabinieri - sequestro metadoneI Carabinieri si sono mossi con le gazzelle ma anche con uomini in borghese che si sono mischiati e confusi tra i numerosi passeggeri che ogni giorno viaggiano con i pullman da Palermo, Catania ed Agrigento e che raggiungono il terminal di via Rochester.

Il blitz e’ scattato nel pomeriggio di ieri, quando i militari hanno agganciato un pullman proveniente da Palermo: una volta giunto al capolinea, hanno notato Giannone, che una volta sceso dal mezzo, si stava frettolosamente allontanando a piedi dalla stazione, trasportando una borsa da palestra blu.

Tuttavia i militari hanno colto l’uomo di sorpresa, accerchiandolo e bloccandolo dopo qualche metro. Condotto presso la compagnia carabinieri in viale Regina Margherita gli sono state trovate 21 bottiglie in vetro contenenti complessivamente due litri e mezzo di metadone, custodite all’interno della borsa da palestra. Inoltre, nella tasca dei jeans, sono stati rinvenuti quasi 200 euro in contanti, in banconote di vario taglio. Il tutto e’ stato posto sotto sequestro penale.

posto di blocco CARABINIERI VIA ROCHESTERViste le circostanze e l’ingente quantita’ che l’uomo senza alcuna ragione plausibile deteneva, e’ stato dichiarato in arresto per la violazione prevista e punita dall’articolo 73 del d.p.r. 309/90 (detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente) ed a seguito degli accertamenti di rito e’ stato condotto presso la casa circondariale “Malaspina”, a disposizione dell’autorita’ giudiziaria.

Al vaglio degli investigatori della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta vi sono le seguenti questioni: dove Giannone ha preso la sostanza stupefacente, da chi e a quale prezzo, ma soprattutto le “piazze” nissene dove avrebbe avuto intenzione di spacciare.

Commenta su Facebook