Imprenditore per interposta persona con capitali illeciti. La DIA sequestra il compendio aziendale di Domicoli

727

Sequestro di beni per l’imprenditore gelese Claudio Domicoli, ritenuto tale, per interposte persone, dalla Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta.

La DIA sta procedendo all’esecuzione di un decreto di sequestro emesso, ai sensi della normativa antimafia, dal Tribunale di Caltanissetta – Sez. Misure di Prevenzione – nei confronti del 38enne gelese Claudio Domicoli, condannato con sentenza dalla Corte d’Appello di Caltanissetta, divenuta irrevocabile nel 2010, per mafia, usura ed estorsione.

Gli accertamenti della DIA finalizzati ad effettuare la ricostruzione della capacità reddituale in relazione agli investimenti effettuati, hanno consentito di rilevare l’acquisizione da parte di Domicoli, tramite l’interposizione fittizia di familiari, di una attività di commercio all’ingrosso di frutta ed ortaggi, risultata originata dal reinvestimento di proventi illeciti. Oggetto del provvedimento, in corso di esecuzione, sono quote e compendio aziendale di una società sedente a Gela (CL), per un valore di circa 1.000.000,00 euro.

Commenta su Facebook