Impianti sportivi problemi irrisolti. Dalla V commissione ultimo appello alla collaborazione, “poi azioni eclatanti”

770

“In queste settimane molte della attività sportive hanno avuto inizio e, purtroppo, come ampiamente previsto, tanti sono i problemi evidenziati da chi, ogni giorno, con impegno ed innumerevoli sacrifici, cerca di portare in alto il nome della nostra Città”.

Interviene così la V commissione consiliare, presieduta da Francesco Dolce e composta dai consiglieri Bruzzaniti, Delpopolo, La Rocca, Mannella, Maira e Margherita, che dopo aver denunciato sprechi e “spese pazze” negli impianti cittadini, ha predisposto

Pista pattinaggio
Pista pattinaggio

importanti e sostanziali modifiche al vigente regolamento, ascoltando le istanze delle società sportive e collaborando, per la stesura delle stesse, con gli uffici preposti.

“In questi giorni la commissione, prima dell’approdo in Consiglio Comunale degli emendamenti al regolamento, condividerà con tutti i gruppi politici, di maggioranza e minoranza, il lavoro prodotto, nell’ottica di un reale coinvolgimento di tutto il Consiglio Comunale, troppo spesso by-passato o coinvolto a scelte già compiute”.

Criticità segnalate purtroppo rimangono irrisolte

“I componenti della V commissione – spiega la nota – nelle ultime settimane, hanno avuto una fitta e proficua interlocuzione con società e federazioni sportive ed il quadro che emerge, per quanto riguarda l’impiantistica sportiva, è di assoluto degrado ed inefficienza. Nelle strutture sportive, in questo momento a pieno regime tra allenamenti e partite, sono purtroppo emerse

Pala Milan allagato
Pala Milan allagato

innumerevoli criticità, molte delle quali ereditate e peraltro già segnalate da tempo dalla V commissione all’amministrazione, ma che oggi, purtroppo, rimangono ancora irrisolte: spogliatoi in condizioni igieniche precarie, impianti al limite dell’agibilità, lavori di manutenzione mai effettuati, scarso controllo nelle strutture più a rischio, spazi limitati per gli allenamenti e dunque innumerevoli difficoltà, quotidiane, per chi fa sport nella nostra Città. Per non parlare poi di impianti con enormi potenzialità (vedasi ad esempio ‘Portella della Ginestra’) ma che oggi vengono sfruttati poco e male”.

Manca programmazione. Scelte incomprensibili e soluzioni non attuate

“Purtroppo quello che a nostro avviso sta mancando, oltre alla risoluzione delle emergenze, è una programmazione a medio e lungo termine. Pur comprendendo le difficoltà economiche con le quali ogni Comune, oggi, deve fare i conti, crediamo che una migliore razionalizzazione delle risorse a disposizione, nonché una maggiore concertazione sulle scelte, possa avere soltanto effetti benefici sullo stato di salute dello Sport a Caltanissetta”.

“Chiediamo dunque al Sindaco e agli assessori al ramo di impegnarsi, da subito, per risolvere le situazioni più critiche, solo facendo squadra ed evitando continui rimpalli tra gli uffici si potranno ottenere soluzioni definitive ai tanti problemi. Altrimenti non otterremo null’altro se non generare ulteriore confusione negli sportivi nisseni, già disorientati da scelte incomprensibili (90000 euro per il campo di bocce) e da soluzioni approntate ma mai attuate (credito sportivo per il PalaMilan)”.

Disponibili alla collaborazione, ma senza risposte disposti ad azioni eclatanti

“Da parte nostra ci rendiamo disponibili, come peraltro abbiamo già fatto, a mettere in campo la nostra fattiva collaborazione ed idee che, in prospettiva, possano portare a una migliore fruibilità delle strutture sportive. Sosteniamo da tempo, per esempio, la necessità di assumere decisioni importanti che forniscano ossigeno allo Sport nisseno, come per esempio la sostituzione del manto in erba del M.Tomaselli con un manto artificiale, creando così a Pian del Lago una vera e propria cittadella dello sport che comprenderebbe anche il “PalaCannizzaro” ed il “M.Cannavò”.

“Di questo ed altro vorremmo discutere, con un atteggiamento propositivo e mai strumentale, consapevoli tuttavia che troppo poco si è fatto fino ad oggi e che la pazienza degli sportivi nisseni ha un limite. Attendiamo risposte concrete ed immediate, qualora non dovessero arrivare siamo pronti a mettere in campo azioni eclatanti che mirino a salvaguardare lo sport a Caltanissetta.

Se non si risolvono le emergenze come si può immaginare di pensare al futuro?”, conclude la nota della V commissione consiliare

Commenta su Facebook