Il sindaco Modaffari volta pagina in comune. “Niente auto blu, presidente consiglio a opposizione”

3649
Il sindaco Modaffari con il giudice Cammarata
Il sindaco Modaffari con il giudice Cammarata

E’ stato proclamato sindaco dal presidente della commissione elettorale, il giudice Calogero Cammarata, il neo sindaco di San Cataldo, Giampiero Modaffari. Accompagnato alle 19 alla scuola media “Carducci-Balsamo” da una nutrita folla di cittadini e simpatizzanti.

Modaffari ha lanciato segnali precisi alla cittadinanza e alla politica. Ha intanto detto che rinuncia sin d’ora, quando possibile, all’auto blu.

All’opposizione Modaffari, sindaco eletto dopo il ballottaggio con il 64% dei voti contro Giuseppe Scarantino, offre la presidenza del consiglio comunale per aviare un rapporto di collaborazione tra le forze politiche.

Sindaco, è stato eletto con un ottimo suffragio in percentuale, ma l’affluenza è stata molto bassa, cosa ne pensa?

“E’ sintomatico che l’affluenza sia stata così bassa, di un distacco che la popolazione ha nei confronti della politica. Cercheremo di avvicinare in questi cinque anni la popolazione alla politica, mettendo in atto una sinergia tra cittadini e politica.IMG_5349

Il risultato è eccezionale e premia tanti anni di sacrifici. Sono sedici anni che mi dedico alla politica portando proposte utili. Io ci sono stato, assumendomi responsabilità, dando un contributo e pagando anche in modo personale, ma la tenacia mi ha dato la voglia e il piacere di dare un contributo. Non dovevo vincere a tutti i costi, ma con una proposta chiara, trasparente e coerente. Siamo partiti nove mesi fa per primi, senza alcun apparentamento, volendo dare una rottura con il passato. Questa rottura la vedremo subito, quando il consiglio comunale si insedierà, metteremo in condizione la minoranza di poter eleggere un proprio rappresentante. Non lo voteremo noi, ma daremo loro l’opportunità di farlo, se non coglieranno l’opportunità, è chiaro che la maggioranza agirà per evitare l’empasse. Faremo prove tecniche di democrazia”.

Il giudice Calogero Cammarata proclama Modaffari
Il giudice Calogero Cammarata proclama Modaffari

simpatizzanti Modaffari in commissione elettoraleA San Cataldo si è voltato pagina in modo netto a giudicare dall’esito del voto al primo turno per il consiglio che ha messo alla porta tanti big dei partiti, nessuno dei quali, peraltro è arrivato al ballottaggio.

“La cittadinanza ha scelto una proposta convincente rispetto alle altre. I partiti ci sono stati e ci saranno sempre, certo a San Cataldo è stata data fiducia a persone staccate dai partiti, avremo un consiglio comunale in cui ad eccezione del solo Pd non vi saranno altri partiti, ma la cosa importante che il consiglio è totalmente rinnovato perchè solo tre su venti sono consiglieri anziani mentre gli altri sono tutti nuovi e guardando alla composizione io ritengo che sia un civico consesso di alta qualità, con competenze specifiche da mettere a servizio per il bene di San Cataldo”.

Commenta su Facebook