Il Riesame revoca i domiciliari per l’ex soprintendente Caruso. Per lui sospensione di un anno dal servizio

154

Revocati gli arresti domiciliari per il dirigente del Genio civile di Caltanissetta, Vincenzo Caruso, ex soprintendente ai beni culturali di Caltanissetta.

Il tribunale del riesame di Caltanissetta ha annullato, in parte, l’ordinanza cautelare emessa nei confronti dell’architetto Vincenzo Caruso, 65 anni, di Agrigento, arrestato il 27 maggio dai carabinieri con l’accusa di tentata concussione e ha applicato nei suoi confronti la misura della sospensione per un anno dal servizio.

Caruso, nella qualità di dirigente responsabile dell’unità operativa del Genio Civile di Caltanissetta, che si occupa di edilizia, secondo l’accusa avrebbe fatto pressioni su un imprenditore per costringerlo a pagargli una tangente di 15 mila euro.

Il dirigente regionale è difeso dagli avvocati Walter Tesauro e Vincenzo Caponnetto.

Commenta su Facebook