Il primo cittadino di Mussomeli Giuseppe Catania ringrazia Papa Francesco per il discorso ai sindaci

Come Sindaco di una piccola cittadina voglio esprimere tutto il mio ringraziamento e la mia gratitudine al Santo Padre  (e sono sicuro di interpretare il sentimento di tutti i miei colleghi) per il Suo emozionante discorso rivolto ai Sindaci in occasione dell’incontro tenutosi con una delegazione dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia), Sabato 5 febbraio 2022.

“…Se penso al vostro lavoro mi rendo conto di quanto sia complesso. A momenti di consolazione si affiancano tante difficoltà. Da una parte, infatti, la vostra vicinanza alla gente è una grande opportunità per servire i cittadini, che vi vogliono bene per la vostra presenza in mezzo a loro. La vicinanza. Dall’altra parte, immagino che a volte sentiate la solitudine della responsabilità. Spesso la gente pensa che la democrazia si riduca a delegare col voto, dimenticando il principio della partecipazione, essenziale perché una città possa essere bene amministrata. Si pretende che i sindaci abbiano la soluzione a tutti i problemi! Ma questi – lo sappiamo – non si risolvono solo ricorrendo alle risorse finanziarie. Quanto è importante poter contare sulla presenza di reti solidali, che mettano a disposizione competenze per affrontarle! La pandemia ha fatto emergere tante fragilità, ma anche la generosità di volontari, vicini di casa, personale sanitario e amministratori che si sono spesi per alleviare le sofferenze e le solitudini di poveri e anziani. Questa rete di relazioni solidali è una ricchezza che va custodita e rafforzata….
…Cari fratelli e sorelle, vi incoraggio a rimanere vicini alla gente. Perché una tentazione di fronte alle responsabilità è quella di fuggire. Isolarsi, fuggire… Isolarsi è un modo di fuggire. San Giovanni Crisostomo, vescovo e padre della Chiesa, pensando proprio a questa tentazione, esortava a spendersi per gli altri, piuttosto che restare sulle montagne a guardarli con indifferenza. Spendersi. È un insegnamento da custodire, soprattutto quando rischiamo di farci prendere dallo scoraggiamento e dalla delusione…” (Papa Francesco).
Grazie Papa Francesco per le Tue parole di conforto e di incoraggiamento!!!
Il Sindaco
Giuseppe Catania
Commenta su Facebook