Il Partito Democratico propone sette punti all’amministrazione. “E’ la nostra strategia per la ripartenza, il sindaco ascolti le forze politiche”

241

Il Partito Democratico di Caltanissetta propone un documento politico in sette punti all’amministrazione Comunale e alla città. A giudizio dei quattro circoli del PD di Caltanissetta, “l’iniziativa del Sindaco è condivisibile ma insufficiente. In una fase tanto difficile e problematica per il futuro della città, l’amministrazione comunale dovrebbe ascoltare anche le diverse forze politiche valorizzando il patrimonio di competenze, professionalità e sensibilità che ciascuna di esse può offrire alla città”, si legge nella nota.

Lavoro, istruzione, consulta dei saperi; un piano di promozione del patrimonio culturale e di rigenerazione urbana. E poi lotta alla povertà, inclusione sociale e digitalizzazione. Questi i punti sviluppati nel documento.

“Lo shock derivante dal Covid 19 ha contribuito a far emergere disuguaglianze già profondamente radicate nel nostro paese amplificando le distanze tra ceti sociali, persone e territori. La reazione a questa crisi, quindi, non potrà che essere differenziata: alcuni riproporranno i principi e le regole che hanno caratterizzato l’ultimo quarantennio ma ci sarà anche chi suggerirà una saggezza diversa e un cambio radicale di paradigma. Noi non possiamo che collocarci su questo secondo fronte, proponendo un profondo riorientamento del nostro modello economico e sociale in direzione di una maggiore uguaglianza e di una maggiore sostenibilità ambientale”.

Queste in sintesi le priorità indicate nel documento.  

Lavoro di qualità per tornare a crescere. Obiettivo da perseguire promuovendo la costruzione di filiere corte, favorendo l’innovazione tecnologica e la costruzione di reti d’impresa, avviando strategie di marketing territoriale.

Un investimento straordinario in istruzione, attraverso una Consulta dei saperi e del lavoro, un impegno per il radicamento della presenza universitaria in città e un’azione di contrasto alla dispersione scolastica.

Un piano di promozione del nostro patrimonio culturale, da realizzare investendo sulla storia culturale e letteraria di Caltanissetta; sulle miniere; sul parco di Contrada Sant’Anna e sul Museo delle telecomunicazioni; sui riti della Settimana Santa e sul turismo religioso.

Un programma di rigenerazione urbana. Occorre sperimentare forme di mobilità, avviare un piano di recupero del patrimonio edilizio, promuovendo forme di economia circolare.

Una strategia di lotta alle povertà, istituendo un front-office per l’assistenza gratuita alle imprese e ai cittadini su crisi e accesso al credito, ma anche potenziando gli strumenti di aiuto alimentare e di redistribuzione delle eccedenze.

Una città inclusiva per tutte e tutti. Dovremo riaprire gli spazi della città alle bambine e ai bambini, partendo dalla promozione del tempo pieno nelle scuole e dovremo impegnarci per la realizzazione di un’assistenza sanitaria diffusa su tutto il territorio.

Un piano di digitalizzazione dei servizi comunali, da realizzare anche attraverso un’apposita app.

“In queste settimane di emergenza – affermano i circoli del Pd nisseno – non abbiamo fatto mancare il nostro apporto, con suggerimenti, osservazioni e proposte. Oggi intendiamo offrire un contributo più articolato e profondo, mettendo in campo le nostre idee per la ricostruzione della città. Caltanissetta ha bisogno del nostro impegno e non ha più tempo da perdere”

Leggi qui il documento integrale

 

Commenta su Facebook