Il Liceo Volta premiato al concorso nazionale “I giovani ricordano la Shoah”

266

Menzione conferita dal Presidente della Repubblica: questo il prestigiosissimo riconoscimento ottenuto dall’I.I.S. “A. Volta” di Caltanissetta nell’ambito del Concorso Nazionale “I giovani ricordano la Shoah”, indetto dal MIUR,sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Il gruppo di lavoro del “Volta”, coordinato dalle prof.sse Laura Cumbo e Assunta Gallo Afflitto, docenti di Storia e Filosofia, ha partecipato al concorso, realizzando un video intitolato “Perché io?”, video che ha dapprima superato la selezione regionale, accedendo così a quella nazionale, per poi aggiudicarsi la menzione, inserendosi tra le sole sei scuole premiate in tutta Italia.

La realizzazione del video è il frutto di un intenso percorso didattico, svolto quasi completamente a distanza, a causa della pandemia, percorso che ha coinvolto sei studenti di due classi quinte, una dell’indirizzo anglocinese e l’altra dell’indirizzo sportivo: gli allievi Giordano Roberto (regista), Arcarisi Biagio, Galiano Gabriele,Manzo Roberta, Matraxia Maria e Li Volsi Valentina hanno utilizzato la preziosa e toccante testimonianza di Sami Modiano, uno dei più famosi sopravvissuti all’olocausto ebraico; Sami Modiano, già applauditissimo ospite del“Volta” nel 2015, ha lasciato un ricordo indelebile negli studenti, i quali, coerentemente con l’argomento proposto dal bando 2020/2021, hanno scelto di trattare la condizione esistenziale dei sopravvissuti,dopo la liberazione dai campi di sterminio nazista.Il contributo di Sami Modiano è stato pertanto fondamentale, apporto di cui il gruppo di lavoro ha fruito, sia leggendo il suo libro autobiografico ” Per questo ho vissuto”, sia tramite colloquio telefonico con lo stesso autore; parti dell’audio della registrazione sono state così inserite nel video.

Particolarmente significativa la motivazione della menzione d’onore indicata dalla commissione: il video infatti è stato premiato perché caratterizzato da un evidente approfondimento storico e bibliografico che da un crescente coinvolgimento emotivo degli studenti, i quali, dalla testimonianza, hanno colto l’impegno di ricevere e restituire speranza, ognuno nel proprio ruolo e nel proprio tempo.

A fronte del profondo entusiasmo suscitato dall’ottenimento della Menzione, sia agli studenti, sia al Dirigente Scolastico prof. Vito Parisi che al docenti Gallo Afflitto e Cumbo, resta un unico motivo di rammarico: l’impossibilità di recarsi al Quirinale per partecipare in presenza alla cerimonia di premiazione, causa l’emergenza sanitaria: questa infatti sarà effettuata da remoto, nella mattinata di mercoledì 27 gennaio, in diretta dalle stanza del Quirinale, alla presenza del Presidente Mattarella, e costituirà uno dei momenti più solenni dell’annuale Giorno della Memoria.

Commenta su Facebook