Il lavoro dell’illustratore: Cherry’S incontra gli alunni dell’IISS L. Russo

Cherry’S, nome d’arte di Sara Cherubino, illustratrice e architetto, è stata la protagonista di un incontro online di approfondimento dal titolo “Il lavoro dell’illustratore: esperienze e percorsi creativi” con gli alunni della 3^A indirizzo “Grafica e Comunicazione” dell’IISS L. Russo di Caltanissetta, diretto dalla prof.ssa Maria Rita Basta.

L’incontro, svoltosi lo scorso 17 febbraio e guidato dagli insegnanti Manuela Puccia, Emanuela Arena e Giorgio La Manna, è stato altamente stimolante e inclusivo. Dall’esperienza diretta dell’illustratrice Cherry’S, diventata famosa per il suo disegno sul ponte Morandi diventato virale sui social, i ragazzi hanno potuto conoscere il percorso formativo e le opportunità lavoratrici del mestiere dell’illustratore.

“L’incontro con i ragazzi – dice Cherry’S – ha dato molti spunti di riflessione non solo per l’aspetto strutturale di un’illustrazione ma per la creatività in generale. La loro intraprendenza e le loro domande sempre molto pertinenti hanno permesso un confronto e un dialogo maturo nel campo dei social, dell’illustrazione e della comunicazione. Molte sono state le idee proposte come progetti e tutte ricche di possibilità. Credo fortemente che questa esperienza di confronto con un personaggio professionale già inserito nel mondo social e lavorativo, possa contribuire ad una formazione più completa e consapevole.”

“Durante l’incontro – sostengono i docenti del corso – ci si è soffermati anche sulle tecniche di rappresentazione grafica, l’uso dei colori e delle forme per esprimere le emozioni, nonché sul potere terapeutico dei disegni. Il confronto con l’artista ha, inoltre, permesso di conoscere in maniera più approfondita Instagram e la comunicazione veicolata attraverso un canale multimediale.”

Per gli alunni dell’indirizzo Grafica e Comunicazione dell’istituto L. Russo sono stati programmati ulteriori incontri di approfondimento a supporto della teoria e tecnica apprese in classe.

Prof.ssa Emanuela Arena

Commenta su Facebook