"Il gruppo Alferi" voleva uccidere il capo della Squadra mobile Giovanni Giudice.

752

Giovanni-GiudiceEd emergono intanto i primi retroscena dell’operazione “Inferis”. Il clan mafioso degli Alferi di Gela, sgominato durante la notte dalla polizia con l’arresto di 28 persone tra boss e gregari, avrebbe progettato anche l’uccisione del capo della squadra mobile di Caltanissetta, il vice questore aggiunto Giovanni Giudice. L’ha riferito il collaboratore di giustizia Emanuele Cascino, figlioccio del boss. L’ordine di assassinare Giudice sarebbe venuto proprio da Giuseppe Alferi, soprannominato ”U Jerru”. Lo stesso Cascino e Fabio Russello nel 2007 si presentarono a casa di Giudice che allora era a Gela, bussando al citofono e venendo cacciati via dallo stesso commissario, oggi capo della mobile. Cascino racconta che i due in quell’occasione, erano armati, ma è una circostanza non verificata e forse mai verificabile, ha detto Giudice in conferenza stampa, per cui l’episodio non è neanche inserito nell’ordinanza di custodia cautelare.

Commenta su Facebook