Il film “Biagio”, finanziato dalla Banca del Nisseno, vince il premio “Green Movie Award” al Festival Internazionale del Film di Roma.

1559

DSC_2567

Il film, finanziato dalla Banca del Nisseno, ha commosso il grande pubblico accorso per l’anteprima mondiale e si aggiudica il prestigioso premio Green Movie Award al Festival Internazionale del Film di Roma. La prima edizione del Green Movie Award, premio collaterale della IX edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, è stato assegnato al film “Biagio” di Pasquale Scimeca per aver meglio rappresentato i valori legati alla sostenibilità.

Il Green Movie Award vuole contribuire alla divulgazione della cultura ambientale e incentivare la produzione di opere a impatto zero. Il Premio intende inoltre valorizzare la comunicazione cinematografica come strumento di educazione, narrazione socioculturale e stimolo di riflessione critica sul rapporto uomo-ambiente.

“Grande soddisfazione per la Banca del Nisseno” – afferma il presidente Giuseppe Di Forti – “che ha creduto nel successo dell’opera fin dai suoi primi passi. collage caricareSiamo la prima banca in Sicilia a sperimentare la formula del tax credit esterno per sostenere il cinema. Sposiamo in pieno i valori della solidarietà e della sostenibilità promossi da “Biagio”, emersi nel film come ricerca di valori e di armonia con se stessi e con il prossimo e pienamente condivisi dal Credito Cooperativo”.

Il film narra di Biagio Conte, il frate palermitano (interpretato dall’attore Marcello Mazzarella) che a 26 anni lascia la sua città e va a vivere sulle montagne. In solitudine ritrova l’armonia con se stesso e con la natura. Inizia a cercare Dio e lo trova con la mediazione di San Francesco. Torna a Palermo, si prende cura dei barboni e fonda la “Missione di speranza e carità”. La vera storia di un santo dei nostri giorni.

Motivazione del Premio: “Biagio” vuole affrontare i grandi temi della vita: dalla religione all’ambiente, dalla giustizia sociale alla solidarietà, e assurge a paradigma del nostro tempo in crisi di valori e ideali. L’urgenza di una testimonianza diventa invito al recupero di un’ecologia del pensiero che prende forma nella natura. Francescano, innocente, senza compromessi: un film per nulla neutro, puro, militante per la pace e per la sostenibilità della vita.

 

Commenta su Facebook