Il consuntivo di fine anno della giunta Gambino: “Bilancio dell’ente in salute, lavori pubblici per 52 milioni di euro”

Conferenza stampa di fine anno del sindaco Roberto Gambino che insieme agli assessori della giunta comunale ha presentato il lavoro svolto nel 2021 e gli obiettivi per il 2022. In tema di lavori pubblici il primo cittadino ha dato notizia insieme all’assessore Marcello Frangiamone che sono in corso opere per 52 milioni di euro tra quelle in fase di esecuzione e quelle finanziate. L’assessore al bilancio Luciana Camizzi ha posto l’accento sugli sgravi delle imposte locali che toccano la cifra di 3 milioni di euro se si considerano gli sgravi diretti e lo stop agli aumenti deliberato dalla Giunta. Il settore della solidarietà sociale ha realizzato interventi per 15 milioni di euro, la maggior parte dei quali con fondi esterni al bilancio comunale. Bilancio che si è chiuso con un avanzo di amministrazione. Il vicesindaco Grazia Giammusso tra gli altri temi ha parlato del bando “Io compro nisseno” che consentirà di acquisire un voucher da 75 euro per le famiglie con un ISEE fino a 25 mila euro da spendere per acquisti in negozi del capoluogo. Il sindaco Gambino ha poi fatto il punto sull’emergenza sanitaria facendo appello ai nisseni a trascorrere il capodanno in famiglia evitando feste abusive.

Vicenda Ato Ambiente

“Ho chiesto al presidente del consiglio comunale una seduta sull’Ato rifiuti invitando tutte le persone interessate a partire da sindaci, ex assessori e amministratori dell’Ato perché devono venire in Consiglio e riferire alla popolazione tutto quello che è stato fatto. Noi abbiamo attuato la gestione del buon padre di famiglia, abbiamo tagliato le spese legali e l’Ato sta andando in liquidazione, questo ci darà buoni risultati. La città avrà contezza di cosa è successo”. Così il primo cittadino parlando della liquidazione della società d’ambito.

Sviluppo economico

Il vicesindaco con delega allo sviluppo economico Grazia Giammusso ha sottolineato le azioni intraprese da inizio anno riconvertendo le somme a favore delle imprese locali. “Grazie all’attività di interlocuzione con le istituzioni regionali si è ottenuto l’utilizzo dell’ex foro boario che da decenni non poteva essere utilizzato. A livello locale – ha proseguito – con le organizzazioni di categoria abbiamo lavorato ai bandi per i ristori a fondo perduto per le aziende colpite dalle chiusure. Il bando “Io compro nisseno” vuole essere un’iniezione di liquidità nel nostro territorio e parallelamente faremo una massiccia comunicazione di questa misura”. Con un’indagine di mercato il Comune ha affidato la realizzazione di un video promozionale alla casa di produzione “Just Maria” che ha firmato lo spot “”Ciao Palermo!” della Red Bull. Altro bando è quello per contributi fino a 8 mila euro per lo Start up di impresa in centro storico.

L’assessore ha sottolineato le criticità delle infrastrutture della zona industriale dopo che il Comune ha ereditato strade e illuminazione pubblica dalle ex Asi in liquidazione. Di positivo c’è che sono partiti i primi lavori nell’ambito dell’appalto per il rifacimento delle strade. “Nota dolente sono le Zes per la cui attivazione non abbiamo avuto nessuna risposta dal Governo” ha detto il vicesindaco.

Servizi sociali

L’assessore ai servizi sociali Cettina Andaloro ha posto l’accento sul reddito di cittadinanza. “E’ vero che va rivisto perché ci sono quelli che ne approfittano ma non va certamente cancellato. I servizi sociali hanno messo in atto la misura facendo lavorare i precettori”. Il Comune nisseno ha attivato i due percorsi previsti con i lavori di pubblica utilità e i tirocini di inclusione nelle aziende locali che hanno effettuato alcune assunzioni.

Sport

“Con difficoltà le associazioni sportive, moltissime dell’attività di base, hanno portato avanti il loro lavoro e chi si è adoperato per dare continuità allo sport in tempo di pandemia è stato quasi eroico” ha dichiarato l’assessore Fabio Caracausi. “Chiaramente abbiamo ereditato un’impiantistica sportiva non nelle migliori condizioni. Gli investimenti sono superiori ai vent’anni precedenti; abbiamo concluso i lavori del palaMilan e messo a segno l’omologazione per le attività paralimpiche. E’ il primo mattone di un lavoro che porterà all’organizzazione della settimana di giochi senza barriere. A fine gennaio partiranno i lavori allo stadio Tomaselli che contiamo di completare nel primo semestre 2022 se non ci saranno imprevisti”. Caracausi ha poi comunicato i lavori in corso nel campo da gioco dello stadio Palmintelli. Sulla piscina comunale, in linea con quanto dichiarato dal sindaco Gambino, l’assessore ha ribadito che la struttura è stata consegnata alla società concessionaria. Adesso si dovrà approvare il progetto dei lavori.

Bilancio comunale e tributi

“Possiamo essere fieri di aver approvato per tempo il bilancio dell’ente con un avanzo di amministrazione” ha detto l’assessore Luciana Camizzi. “L’anno è stato dedicato ai tributi perché il Covid ha impattato con novità normative. Ciò che ci rende fieri è che nonostante l’aumento del costo del servizio rifiuti siamo riusciti a non aumentare la Tari. Siamo stati nelle condizioni di sgravare le utenze non domestiche che non hanno lavorato per dare a queste attività la possibilità di ripartire”. 450 mila euro sono stati stanziati per l’azzeramento della parte variabile della Tari (che incide circa il 50 percento ) in favore delle famiglie disagiate. In totale si è registrato un milione e mezzo di minori entrate dalla Tari. Sull’Imu il Governo ha dato la possibilità di non pagare la prima rata e per determinate attività anche la seconda con un risultato di minori entrate per 450 mila euro.

Cultura

“Bisogna lavorare tanto. Gli obiettivi sono la riorganizzazione di palazzo Moncada e del ruolo che deve avere in città e la relazione con il teatro Margherita, la biblioteca Scarabelli” ha detto l’assessore alla cultura Marcella Natale parlando poi delle azioni di recupero al quartiere Provvidenza. “Abbiamo iniziato con le saracinesche letterarie che sono il perimetro del quartiere ma l’obiettivo è un quartiere che non sia più ai margini”.

Crescita territoriale

In relazione al progetto del primo parco mondiale policentrico dello stile di vita mediterraneo, l’assessore Francesco Nicoletti ha parlato di un “anno importante perché abbiamo stimolato tutta la Sicilia centrale con 239 soggetti coinvolti. Un grande evento di cinque giornate con dieci incontri che ha cristallizzato il parco affrontando importanti tematiche. La principale è la creazione del soggetto giuridico del parco”.

Lavori pubblici, ambiente

“Nel 2021 è aumentata la differenziata ma la quantità di rifiuti prodotti non è diminuita. Questo è uno dei punti su cui lavorare e il centro per il riuso è un punto di partenza”, ha detto l’assessore Marcello Frangiamone intervenendo sui settori di propria competenza. Tra gli altri vi è la Protezione civile e Frangiamone ha ringraziato le associazioni “che lavorano in sinergia con il Comune che ha un ottimo piano di protezione civile”.

“Abbiamo 52 milioni di lavori a vario titolo in corso quest’anno. La direzione seppur sotto organico sta lavorando a pieno ritmo. Quasi tutti gli edifici comunali sono dotati impianti fotovoltaici e quindi puntiamo ad avere tutti gli immobili ad efficienza energetica. Anche le scuole sono sottoposte a interventi e alcune sono state adeguate al rischio sismico, altre lo saranno a breve”.

Sul verde pubblico Frangiamone ha spiegato che da inizio anno è partito un piano triennale di gestione che consente di slegare gli interventi a bandi annuali o singole emergenze. Sono stati consegnati i lavori per villa Amedeo e villa Cordova mentre per il parco Robinson e Santa barbara è in corso la sostituzione dei giochi in vista dell’estate. In tema di mobilità Frangiamone ha comunicato che il Pums è in fase avanzata e che il piano per la mobilità sostenibile potrà dare respiro alla città.

Ha concluso il sindaco Roberto Gambino ricordando che i servizi sociali hanno gestito progetti e interventi per un ammontare di 15 milioni di euro principalmente da fonti esterne al bilancio comunale. “Questo a vantaggio dell’intero distretto socio sanitario. In questo momento i nostri servizi sociali stanno aiutando il distretto di San Cataldo dove un funzionario del Comune di Caltanissetta lavora a scavalco in modo da trasferire le buone pratiche del nostro ente che sono riconosciute a livello regionale e nazionale”.

Commenta su Facebook