Il circolo “Centro Storico” del Pd replica all’assessore Campione: “Ridicola e allarmante l’accusa a Federica Giorgio”

635

E’ inquietante e nello stesso tempo risibile la reazione scomposta ed aggressiva dell’Assessore Campione alle prese di posizione ed alla presenza del segretario del Circolo Centro Storico del PD Federica Giorgio al sit – in degli operatori dei servizi socio – assistenziali del comune di Caltanissetta che protestano legittimamente per gli insopportabili ritardi nell’erogazione delle spettanze a loro dovute da molti mesi per il lavoro prestato.

Ancora una volta l’Amministrazione Ruvolo reagisce in maniera violenta, con parole e con argomenti insensati ed offensivi, alle critiche che provengono da esponenti del PD. In questa occasione l’Assessore Campione si dimostra incapace di gestire una complessa vertenza di lavoro, mal sopportando le critiche di una forza politica di opposizione e rifiutandone anche le proposte sensate, formulate dal segretario del Circolo PD, come quella di garantirel’intervento sostitutivo dell’Amministrazione Comunale per il pagamento delle spettanze, a tutela ed a difesa degli operatori e delle operatrici dei servizi. Da mesi l’Amministrazione ha garantito che tutte le mensilità dovute ai lavoratori sarebbero state pagate e che non vi sarebbe stato alcun ritardo nei pagamenti da parte del comune alle cooperative che gestiscono i servizi socio – assistenziali. Anche in quella occasione si sostenne che chi, come noi, affermava che gravissimi ritardi nell’erogazione delle retribuzioni agli operatori continuavano a persistere, era un sobillatore ed un bugiardo: quello che purtroppo continua ad accadere, a danno dei lavoratori, dimostra che i bugiardi incapaci di mantenere gli impegni assunti erano altri.

Infine è ridicola e allarmante l’accusa fatta a Federica Giorgio, segretaria di un Circolo PD, di non possedere alcun titolo che le consenta di essere presente a sostegno della lotta degli operatori a tutela dei propri diritti. L’Assessore Campione si rilegga gli articoli della Costituzione Italiana che tutelano la libertà di espressione ed il ruolo e la funzione di rappresentanza dei partiti politici per comprendere quanto siano ridicole le sue parole. L’Assessore e/o qualcun altro, hanno qualcosa da nascondere, che li consiglia di temere il ruolo di vigilanza, indirizzo e controllo che le forze politiche hanno, anche nell’ordinamento degli Enti Locali? Noi speriamo di no ed invitiamo pertanto l’Assessore ad abbandonare atteggiamenti arroganti, intolleranti e provocatori, ritrovando, come è suo dovere istituzionale, la capacità di confrontarsi e collaborare anche con chi lo critica, pur nella diversità dei ruoli e delle funzioni.

La Segreteria del Circolo PD “ Centro Storico “

 

Commenta su Facebook