“Il Caravaggio scomparso”. A Palazzo Moncada incontro con lo scrittore Alvise Spadaro, magistrati e avvocati.

4859

La copia della Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d'Assisi (3)Organizzato da “L’Angolo dell’Avventura, dalla Scuola Superiore della Magistratura, dall’Associazione Nazionale Magistrati, dalla Scuola Forense Nissena  e dall’Ordine degli Avvocati, si è svolto al Palazzo Moncada, mercoledì 10 giugno, un incontro con lo scrittore Alvise Spadaro, autore dell’omonimo libro, sul tema “Il Caravaggio Scomparso”.
Coordinato dal dr Giovanbattista Tona nella qualità di referente, per il distretto di Caltanissetta, della Scuola Superiore della Magistratura, l’evento ha visto la presenza di illustri relatori quali il cap. Luigi Mancuso Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Palermo, del dr Fernando Asaro presidente ANM di Caltanissetta, dell’avv. Emanuele Limuti presidente della Scuola Nissena Forense, del pittore Calogero Termine che ha eseguito una copia del famoso dipinto “Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi”, rubato nel 1969 a Palermo.
Intervista al dr Giovanbattista Tona – Scuola Superiore della Magistratura

Presenti all’evento, valido per l’assegnazione di tre crediti formativi, S.E. il Prefetto Maria Teresa Cucinotta, l’assessore alla Cultura Marina Castiglione, il sindaco Giovanni Ruvolo, S.E. il Prefetto Maria Teresa Cucinotta, la d.ssa Giovanna Romeo,l'assessore Marina Castiglione e la d.ssa Gabriella Tomai (1)magistrati, avvocati e operatori del settore. Assente, per motivi personali, il Presidente della Corte d’Appello dr Salvatore Cardinale in rappresentanza del quale è intervenuta la d.ssa Maria Giovanna Romeo.
Ad aprire i lavori è stato lo scrittore siciliano Alvise Spadaro che ha parlato dettagliatamente del furto dell’opera ma anche della facilità con cui il ladro – vista la quasi inesistente protezione del dipinto – ha potuto portare a termine l’atto criminoso.
Intervista al Capitano CC Luigi Mancuso – Tutela Patrimonio Culturale di Palermo

Il pittore copista Calogero TermineMentre il capitano Luigi Mancuso, dopo aver descritto l’organizzazione del Nucleo dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, ha parlato con grande professionalità  dell’attività del Gruppo da lui diretto, volta a recuperare le opere d’arte trafugate. “Non parlerà, ovviamente, del Caravaggio – ha precisato il dr Giovanbattista Tona presentando l’Ufficiale – e questo ci fa capire che ci stanno ancora lavorando”.
Ha poi preso la parola il pittore Calogero Termine autore della copia del dipinto trafugato, esposta nel salone dove si è svolto l’incontro. Assieme alla copia della Natività, sono state esposte delle copie de “Il Suonatore di Liutoil Bacco e l’Amore Vincitore,  sempre del Caravaggio, attraverso cui il bravo copista ha illustrato le tecniche adottate dal famoso pittore. “ La differenza tra un copista ed un falsario – ha detto Calogero Termine – consiste nel fatto che il copista fa una copia e lo dice mentre il falsario spaccia la copia per originale”.
Interessante intervento anche quello del dr Fernando Asaro  che ha parlato delle leggi che tutelano le opere d’arte, mentre l’avv. Emanuele Limuti, ha parlato della lotta contro la ricettazione.
Intervista all’avv. Emanuele Limuti presidente Scuola Forense Nissena

Un incontro di grande importanza non valorizzato da una pessima acustica dei locali e, soprattutto, dalla mancanza di un adeguato impiantoDSC_0769 di amplificazione. Un solo piccolo altoparlante, in un locale di circa duemila metri cubi, non fa che peggiorare la situazione. Si è arrivati al paradosso di parlare senza il microfono, condizione che poteva favorire soltanto le primissime file  mentre per gli altri era impossibile capire ciò che veniva detto. Tant’è che molti dei presenti, proprio per questo motivo,  hanno preferito andarsene. Ci chiediamo se sia tanto difficile realizzare un impianto di amplificazione adeguato, che spinga l’utente a frequentare gli eventi piuttosto che andarsene.
Intervista al pittore Calogero Termine, autore della copia della Natività

La copia della “Natività”, assieme alle altre opere, rimarranno esposte al pubblico, al palazzo Moncada, sino al 20 giugno.
 
 
Nota della Redazione: a tutti coloro che volessero scaricare una o più foto pubblicate nell’articolo e/o nella fotogallery, per farne uso pubblico, ricordiamo di citare la fonte e, quindi, nel caso specifico “Radio cl1″.
Cliccare sulle foto per ingrandirle

 

Commenta su Facebook