Il bullismo si fa "cyber". Polizia a scuola per mettere in guardia i ragazzi

742

Cyber bullismo, cyber stalking e pericoli del Web. La Polizia di Stato incontra gli alunni dell’Istituto Puglisi di Serradifalco. Martedì mattina, presso l’Istituto Comprensivo di Serradifalco circa 70 ragazzi e ragazze delle terze classi della scuola media hanno incontrato la Polizia di Stato al fine di promuovere un uso consapevole e responsabile del Web da parte dei giovani. Promotori dell’incontro la dirigente scolastica Anna Maria Nobile e il questore Filippo Nicastro. A guidare i ragazzi nei pericoli del web, invece, l’Ispettore Superiore Salvatore Falzone, dell’Ufficio Stampa della Questura. Litigi via chat, diffusione online di informazioni denigratorie, pubblicazione di immagini maliziose rubate a scuola, sono esperienze entrate a far parte del quotidiano di insegnati, educatori, genitori e soprattutto dei ragazzi. Sono stati illustrati ai ragazzi i comportamenti che rientrano in fattispecie criminose e come gestire meglio le impostazioni della privacy sui social network, nonché come segnalare abusi tramite il sito commissariatops.it. Al termine dell’incontro ai ragazzi è stato distribuito un vademecum contenente dieci regole da memorizzare.

Il 74% dei ragazzi teme il cyber bullismo e il cyber stalking più di quanto non tema la droga. Per l’83% dei ragazzi gli episodi di bullismo virtuale sono più dolorosi di quelli prodotti dal bullismo reale. Questo perché il cyber bullo “ti segue” anche a casa attraverso i dispositivi della ITC (Information and Communication Technologies), quali i social network (Facebook, Twitter, You Tube), le chat degli smartphone (whatsapp, Wechat, IMessage, LIne) e i blog.
Litigi via chat, diffusione online di informazioni denigratorie, pubblicazione di immagini maliziose rubate a scuola, sono esperienze entrate a far parte del quotidiano di insegnati, educatori, genitori (e soprattutto dei ragazzi).
Per far comprendere meglio ai giovani le conseguenze dei loro comportamenti distorti attraverso l’uso delle tecnologie multimediali è necessario adottare un approccio multidisciplinare che possa fondere conoscenze di ambiti diversi, dalla psicologia alla comunicazione.
Diventa quindi fondamentale guidare i giovani nel loro percorso di crescita “virtuale”, facendo in modo che lo sviluppo delle competenze relative alla tecnologia sia accompagnato da una crescente consapevolezza nell’uso di tali strumenti.
L’incontro odierno ha affrontato il tema del cyber bullismo e del cyber stalking, nonché gli altri pericoli che incombono sul web, con l’intento di fornire ai ragazzi una serie di spunti di riflessione teorica, accompagnati da indicazioni utili della Polizia di Stato da seguire: una sorta di galateo del web.
Sono stati illustrati ai ragazzi quali comportamenti umani rientrano in fattispecie criminose riconosciute dal nostro ordinamento come reati penali. E stato, inoltre, loro mostrato come gestire meglio le impostazioni della privacy sui social network, nonché come segnalare agli amministratori degli stessi eventuali anomalie al fine di evitare di subire da soli e in silenzio i cyberbulli.
E, infine, nei casi più gravi, come segnalare gli episodi alla Polizia Postale e delle Comunicazioni, anche attraverso il web, tramite il sito www.commissariatops.it.
Al termine dell’incontro ai ragazzi è stato distribuito un vademecum contenente dieci regole da memorizzare sui seguenti temi: furti d’identità, pedofili nascosti, pornografia verbale, appuntamenti al buio, cyberstalking, cyber bullismo, violazione della privacy ed evasione dalla realtà.
Nel corso dell’anno scolastico analoghi incontri saranno tenuti con le altre classi della scuola secondaria di primo grado e con quelle della scuola primaria del medesimo Istituto.

Commenta su Facebook