IGF 2014 a San Cataldo. Fervono i preparativi, convenzioni con ostelli e ristoranti

2041

Sabato 17 e domenica 18 maggio p.v., si svolgerà a San Cataldo (CL) la nona edizione dell’IGF, l’appuntamento che per il nono anno consecutivo riunisce “Insieme Giovani e Famiglie”.

Fervono in queste ore i lavori per ultimare tutti i preparativi e per definire gli ultimi dettagli di un’organizzazione curata nei minimi particolari dai giovani e dalle famiglie di tutte le parrocchie e le realtà di San Cataldo, che hanno iniziato un cammino di comunione fin dal settembre dello scorso anno, insieme ai due Uffici diocesani per la pastorale giovanile e familiare. Le lectio di Avvento e Quaresima, per giovani e per sposi, che si sono svolti alla Madrice di San Cataldo, sono infatti state organizzate grazie a un lavoro attento e puntuale con l’apporto anche dei delegati provenienti dalle diverse chiese del paese.

In un grande spirito di comunione, nell’organizzazione dell’IGF sono stati coinvolti anche i comitati di quartiere, le associazioni, i movimenti, le istituzioni, le scuole fino a raggiungere quasi ogni singolo abitante.

Tra le novità della nona edizione dell’IGF, anche l’utilizzo di un qr-code che preannuncia una presenza informativa e mediatica nuova, una pagina facebook (igf – Insieme giovani e famiglie 2014) nella quale si possono trovare il programma, le informazioni, le prime immagini e anche simpatici video creati dai giovani della pastorale giovanile di San Cataldo, un indirizzo mail (igf2014sancataldo@gmail.com) per interloquire con l’organizzazione per qualsiasi tipo di informazione o richiesta relativa a quei giorni.

Il programma prevede, nella giornata di sabato 17 maggio, il passaggio del braciere dell’IGF dai giovani e dalle famiglie di Villalba, ultimo paese che ha ospitato l’evento, a quelli di San Cataldo, davanti alla chiesa della mercede. Da lì questo fuoco di comunione ardente, verrà portato in processione fino alla Chiesa Madre, dove si svolgerà la “Serenata alla Vergine” e, di seguito, l’Adorazione Eucaristica. Seguirà la festa, nella piazza antistante la Chiesa, diverse realtà locali allieteranno la serata mentre grazie alla disponibilità di molti artigiani verranno proposte degustazioni di prodotti tipici di San Cataldo.

Giovani e meno giovani potranno pernottare in paese, sia in sacco a pelo in apposite strutture, sia in Hotel e B&B con cui sono state stipulate apposite convenzioni.

Domenica mattina alle 9.30 inizierà l’accoglienza presso le quattro porte della città, dove gli Istituti d’Arte apporranno le loro realizzazioni per l’evento. Studiati anche i percorsi per i bus di fedeli e per i portatori di handicap, che avranno un posteggio e una serie di servizi specifici a loro dedicati. Si entrerà quindi nell’area dell’IGF attraverso tre porte: qui sarà possibile avere la pianta dei luoghi e i cappellini dell’IGF con il logo dell’evento ambientato a San Cataldo.

Dopo la preghiera del mattino saranno offerte alcune testimonianze da parte di chi ha fatto della speranza un motivo di vita, di chi ha vissuto e vive di speranza, di chi è in grado oggi di dare “segni di speranza”.

Anche per il pranzo è stata stipulata una convenzione, riconoscibile dalle vetrofanie apposte nelle diverse attività aderenti, che potrà essere utilizzata per mangiare a prezzi convenienti.

Il momento culminante dell’IGF si svolgerà nel pomeriggio presso il Calvario: un grande spettacolo di intrattenimento subito dopo pranzo, infatti, precederà la solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo, Mons. Mario Russotto, e concelebrata dai presbiteri di tutta la diocesi.

Prima della Santa Messa sarà accolto il Reliquiario della Madonna delle Lacrime di Siracusa che continuerà la Peregrinatio in diocesi fino al 27 giugno.

Commenta su Facebook