“Ictus ischemico senza causa apparente”. L’Unità di emodinamica organizza convegno al S. Elia

1116

dr. Francesco AmicoOrganizzato dal dr Francesco Amico, Direttore dell’Unità dipartimentale di Emodinamica del Presidio ospedaliero S. Elia di Caltanissetta, si svolgerà sabato 11 aprile 2015, con inizio alle ore 9,00 presso la sala conferenze dell’ospedale di Caltanissetta, un convegno dal titolo “Stroke criptogenetico e forame ovale pervio”.
Interverrà, insieme a vari esperti, il Prof. Eustaquio Onorato, cardiologo interventistica presso la clinica Humanitas Gavezzani di Bergamo, considerato uno dei maggiori esperti in materia a livello internazionale.
L’ictus ischemico è la seconda causa di morte dopo l’infarto del miocardio nell’ambito delle malattie cardiovascolari nel mondo industrializzato; sicuramente la migliore arma per combattere questa temibile malattia è la prevenzione e la diagnosi precoce, soprattutto in soggetti a rischio, come le persone affette da fibrillazione atriale.
L’Ictus ischemico criptogenetico, cioè senza una causa apparente, spesso è associato alla pervietà del forame ovale, che in casi selezionati, può essere trattato con metodica percutanea applicando devices di ultima generazione, in sala di Emodinamica.
“Ho voluto fortemente la presenza del Prof. Onorato, con il quale ho l’onore di collaborare professionalmente” – dice il Dr. Amico – “per aggiornarci sulle recenti tecniche per il trattamento percutaneo della patologia oggetto del corso e che da qualche mese abbiamo iniziato ad eseguire presso l’Emodinamica della nostra città. Una corretta valutazione multidisciplinare dello stato clinico consente interventi
risolutivi, anche nella popolazione giovanile e da qui si rende necessario creare una forte sinergia fra ospedale e territorio, per definire le giuste pratiche terapeutiche ed interventistiche e soprattutto istruire adeguatamente gli operatori coinvolti nella cura.”
All’evento, rivolto ai medici di famiglia ed agli specialisti, è prevista, la partecipazione di relatori delle unità di cardiologia, medicina interna, neurologia ed ematologia del Ospedale S. Elia.
La foto del dr Amico è stata fornita dalla Zerotre Eventi
 

Commenta su Facebook