I vertici dell'antimafia a Caltanissetta. Si consegnano i locali in cui venne segregato il piccolo Di Matteo

1312

Arriveranno in Prefettura a Caltanissetta i vertici delle istituzioni regionali e nazionali, tra cui la presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi e il presidente dell’ANM, Rodolfo Sabelli, per partecipare ad un momento simbolico nella storia della lotta alla mafia, ovvero la consegna dei beni immobili confiscati ad Alfonso Scozzari di Vallelunga Pratameno, ovvero i luoghi in cui venne segregato per un periodo di tempo il piccolo Giuseppe Di Matteo, il figlio del pentito sciolto nell’acido a soli 13 anni.
Alle ore 11 .00 di mercoledì 24 giugno, presso i loca li di rappresentanza del Palazzo del Governo, avrà luogo la cerimonia di consegna alla Regione Siciliana dei beni immobili confiscati in danno di Alfonso Scozzari, siti nel Comune d i Valle lunga Pratameno (CL).
“La consegna – spiega in una nota la Prefettura – assume un parti colare valore simbolico in quanto, all ‘interno della suddetta proprietà immobiliare, fu tenuto prigioniero, per qualche giorno, il piccolo Giuseppe Di Matteo, rapito il 23 novembre 1993 all’ età di 13 anni ed a lungo segregato prima di essere ucciso e sciolto nell’acido su ordine di Giovanni Brusca”.
Contestualmente alla consegna, l’Amministrazione Regionale procederà al trasferimento del compendio immobiliare, in concessione temporanea. Al Consorzio Sviluppo e Legalità per il suo immediato riutilizzo, nelle more dell ‘espletamento della procedura pubblica prevista dalla legge.
Alla Cerimonia, organizzata in collaborazione con la locale Sezione dell ‘Associazione Nazionale Magistrati e con il sostegno della Regione Siciliana, sarà presente il Presidente della Commissione Parlamentare d ‘inchiesta sul fenomeno de le mafie e sulle altre Associazioni criminali, anche straniere, Rosy Bindi. Interverranno, inoltre, il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta,
il Presidente dell’associazione Nazionale Magistrati , Rodolfo Sabelli, il Direttore dell’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione de i beni sequestrati e confiscati alla Criminalità organizzata, Umberto Postiglione e il Presidente del Consorzio Sviluppo e Legalità, Pietro Capizzi.

Commenta su Facebook