I giovani protagonisti della serata finale del memorial Nuccia Grosso. Tre ex aequo nei primi posti

Che bella serata ha passato chi è andato al teatro Margherita per la finale del memorial Nuccia Grosso. Tanti studenti, tanti esponenti delle istituzioni, tanti avvocati, tanta cultura con la figura di Nuccia Grosso che spesso appariva nei video.

Nelle battaglie processuali degli studenti in toga ci sono stati tre ex aequo per i primi posti.

1° LICEO SCIENTIFICO A.VOLTA e ITET RAPISARDI/DA VINCI

2° LICEO CLASS. CARAFA MAZZARINO e ITET DAVINCI/RAPISARDI

3° “ ITET LUIGI STURZO GELA” e LICEO CLASSICO R.SETTIMO

Ma i premi sono andati anche per le migliori arringhe del pubblico ministero e delle difese. Il premio lo hanno vinto l’avvocato in toga del liceo Scientifico Volta per l’arringa sulla Monaca di Monza ed il difensore della Monaca di Monza.

Sono stati ben 5 i premi per le testimonianze:

MONACA DI MONZA (LICEO SCIENTIFICO VOLTA)

ELENA DI TROIA ISTITUTO MANZONI/JUVARA

PSICHIATRA MONACA DI MONZA LICEO SCIENTIFICO A.VOLTA

MARIA TUDOR LICEO SCIENTIFICO VITTORINI GELA

CAMERIERA CAMPAN DI MARIA ANTONIETTA L.CLASS. SETTIMO

Non sono mancati momenti di forte emozione per il premio speciale ai medici dell’ospedale S.Elia voluto dall’organizzazione, dal Lions e dall’assessore alla cultura Marcella Natale. Il premio è stato consegnato dal sindaco Roberto Gambino per la lotta con il covid ed è stato ritirato dal presidente dell’ordine dei medici Giovanni D’Ippolito.

Premio della cultura all’artista Carlo Sillitti per il contributo dato alla città con i suoi lavori.

Premio per la promozione del territorio alla Traina Albaverde Volley che ci ha fatto sognare con le ragazze in serie B2.

Molti applausi per il maestro Giorgio Villa per “La scaffa nissena” ed il suo “scontro” con Tony Maganuco sul centro storico. Bravissima Maria Ginevra Azzaro, che ci ha fatto sognare con l’infinito di Leopardi musicata in chiave moderna. Spazio anche per il cortometraggio di Francesco Petrantoni “A botta du Mastru” recentemente vincitore del “Cuneo film festival”.

“E’ stato un bel gran galà, tutti sono rimasti contenti – commenta Tony Maganuco – i ragazzi, i professori, i dirigenti scolastici, i giudici, magistrati, avvocati, l’assessore Marcella Natale, il Sindaco Gambino ed il folto pubblico presente. Ma soprattutto e sicuramente sarà felice…Nuccia Grosso”.

Commenta su Facebook