I dati Covid del 19 settembre, 23 positivi nelle ultime 24 ore. Dopo la fiammata di fine agosto tutti i dati in rapida discesa

Sono 23 i nuovi casi Covid tutti in isolamento domiciliare riscontrati in provincia di Caltanissetta nelle ultime 24 ore: 8 pazienti di Caltanissetta, 5 di Butera, 5 di Gela, 3 di San Cataldo, 1 di Santa Caterina Villarmosa e 1 di Serradifalco. Ricoverati in degenza ordinaria: 2 pazienti di Gela e 1 di Niscemi. Dimesso dalla degenza ordinaria 1 paziente proveniente da fuori provincia. Deceduto 1 paziente di Caltanissetta positivo al SARS CoV-2. Guariti: 17 pazienti di Gela, 11 di Caltanissetta, 6 di Niscemi, 3 di San Cataldo, 2 di Mazzarino, 1 di Mussomeli, 1 di Santa Caterina Villarmosa, 1 di Serradifalco e 1 di Sommatino.

I positivi in provincia sono adesso 596 dei quali 41 ricoverati in degenza ordinaria, 1 in terapia intensiva, 3 fuori provincia. 552 si trovano in isolamento domiciliare.

Tutti i dati dell’epidemia che riguardano la provincia di Caltanissetta da dieci giorni sono in rapido calo. Scendono i casi giornalieri (ad eccezione del dato più alto di ieri dovuto al focolaio nella casa alloggio di Serradifalco dove alcune suore non erano vaccinate), scendono i positivi attivi e diminuiscono i ricoveri anche se il dato dei decessi continua a crescere. La rapidità con cui si sta verificando questa ritirata dopo l’ondata di fine agosto è un fatto nuovo che si spiega con l’alta percentuale di vaccinazioni tra la popolazione. Il 30 agosto si registravano 131 casi giornalieri e nei giorni seguenti il ritmo era di 70/80/90 casi al giorno. Solitamente questo alto ritmo di propagazione (in questo caso favorito dalla variante Delta) determina l’allungarsi dei cluster con nuovi focolai. In questo caso la catena si accorcia, probabilmente grazie alle vaccinazioni e nel giro di 20 giorni si è passati da oltre duemila positivi attivi in provincia a meno di 600 nel report attuale.

 

Commenta su Facebook