Guerrilla gardening del Movimento 5 Stelle. Ripulita piazza Mons. Iacono

1010

Il M5S Caltanissetta riprende il Guerrilla gardening. Come ogni anno  il gruppo dedica i venerdì pomeriggio ad un’area di verde della Città, pulendola da erbacce e immondizia. Venerdì 13 Maggio un gruppo di attivisti pentastellati si è recato presso l’area verde di piazza Mons. Iacono,  tra la via Luigi Rizzo e Via Leone XIII ed ha dedicato l’intero pomeriggio alla villetta consegnandola ripulita e con qualche decoro floreale. “Da sempre il Movimento ha compiuto azioni di pulizia della cosa pubblica, i motivi sono tanti per ognuno dei quali vale la pena partecipare” dice Giovanni Magrì.

69847a51-dff5-4c86-8159-3311a68eb357“La nostra – spiega – è anche un’azione di protesta nei confronti dell’Amministrazione. Pare che la noncuranza del verde pubblico, nonchè la messa in sicurezza di queste aree non interessi molto se consideriamo che queste nostre incursioni risalgono già al precedente governo cittadino”, continua il consigliere Magrì. “E’ inaccettabile che ogni anno la nostra Città debba ridursi alle condizioni di abbandono in cui versa attualmente, necessita una politica di prevenzione e non una banale gara d’appalto dell’ultimo minuto. Come previsto nel nostro programma elettorale, avevamo presentato una proposta al Sindaco, sulla stipula di una convenzione con gli operai dell’E.S.A., che con la sola spesa della benzina per i decespugliatori (con 5 euro lavorano ore), avrebbero mantenuto in ordine le nostre ville e aiuole; inoltre i cittadini avrebbero potuto adottare aree verdi urbane per prendersene cura fino alla realizzazione degli orti urbani. La risposta è il silenzio assoluto; ci chiediamo a che scopo si continui con questa politica dell’improvvisazione, a chi serve? A chi conviene?  Di certo i cittadini pagano le tasse al Comune ma i servizi loro forniti non sono soddisfacenti”.13166058_588431018001101_26623335175710597_n 13173950_588431124667757_1484006721039657630_n

Il M5S Caltanissetta non vuole sostituirsi al lavoro degli operai che di norma dovrebbero intervenire: “Non siamo i giardinieri della Città, le nostre azioni mirano a sensibilizzare i cittadini e a sollecitare l’Amministrazione comunale”, e invitano tutti coloro i quali volessero partecipare ad unirsi alle azioni di guerrilla gardening tutti i venerdì pomeriggio, bastano solo un paio di guanti e buona volontà.

Commenta su Facebook