Grandi elettori, Musumeci terzo valuta dimissioni e si prende 24 ore. Cancelleri si congratula con Di Paola

Tensione alle stelle a Palazzo dei Normanni dopo la votazione per i grandi elettori che il 24 gennaio dovranno partecipare alla seduta comune del Parlamento per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Lo scrutinio ufficiale riporta 44 voti per il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, 32 per il capogruppo del Movimento 5 Stelle Nuccio Di Paola e 29 per il presidente della Regione Nello Musumeci. E poiché ogni deputato poteva esprimere due preferenze è facile calcolare che nel centrodestra ci sono stati una decina di franchi tiratori.
Musumeci: «Prendo atto dell’esito del voto espresso dall’Aula. Adotterò le decisioni che riterrò più giuste»

«Non posso non prendere atto dell’esito del voto espresso dall’Aula e del suo significato politico. Se qualche deputato – vile e pavido – si fosse illuso, con la complicità del voto segreto, di aver fatto un dispetto alla mia persona, si dovrà ricredere. Perché il voto di questo pomeriggio – per la gravità del contesto generale – costituisce solo una offesa alle Istituzioni regionali, a prescindere da chi le rappresenta. Nella consapevolezza di avere ottenuto la fiducia del popolo siciliano, adotterò le decisioni che riterrò più giuste e le renderò note entro le prossime ventiquattr’ore». Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Di Paola (M5S) tra i grandi elettori del Quirinale: “Fronte dell’opposizione maturo e compatto. Governo Musumeci al capolinea”

“Ringrazio i colleghi deputati regionali per l’attestato di fiducia espresso oggi nei miei confronti attraverso il prestigioso mandato che l’Aula mi ha affidato. Il risultato del voto conferma per l’ennesima volta che il governo Musumeci non ha più una maggioranza all’Ars ed è al capolinea. Al contempo, il voto fa emergere un fronte dell’opposizione maturo e compatto, che va ben oltre i numeri attesi superando le preferenze del presidente della Regione. Sono buone premesse per mettere insieme forze politiche capaci di affrontare le prossime sfide della Sicilia. Mi preparo intanto a compiere, con una certa emozione ma anche con grande senso di responsabilità, il prossimo passo, l’elezione della più alta carica dello Stato. In quell’occasione daremo il nostro contributo per determinare la vita democratica nazionale e il futuro del nostro Paese”.

Lo ha dichiarato Nuccio Di Paola, deputato regionale del Movimento 5 Stelle, che con 32 voti è stato eletto oggi dall’Ars tra i tre delegati che rappresenteranno la Sicilia all’elezione del prossimo presidente della Repubblica. Gli altri due eletti sono il presidente dell’Assemblea, Gianfranco Micciché (che ha ottenuto 44 voti) e il presidente della Regione, Nello Musumeci (con 29 voti).

Cancelleri: “Musumeci perde pezzi pure stavolta”

“Sono orgoglioso e soddisfatto che il deputato del Movimento 5 Stelle Nuccio Di Paola sia stato votato come grande elettore per partecipare all’elezione del prossimo Presidente della Repubblica” queste le prime dichiarazioni del Sottosegretario grillino al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“Apprendo inoltre che anche questa volta il Presidente Musumeci perde pezzi, arriva solo terzo e se la matematica non è un’opinione, vuol dire che nemmeno i suoi, la maggioranza che tanto rivendica e si ostina a voler rappresentare pure in futuro, lo hanno votato. Musumeci perde pezzi pure nelle votazioni di ovvio garbo istituzionale. Credo che con questo pomeriggio si sia definitivamente spenta la luce su una terrificante esperienza di governo” conclude Cancelleri.

Regione, Fava: “Sicilia ha necessità di un Governo autorevole, Musumeci si dimetta”.

“A prescindere dalle decisioni che il Presidente prenderà nelle prossime ore, il voto di stasera certifica che Musumeci non ha più alcuna maggioranza. Ne preda atto, quantomeno per salvaguardare la dignità della funzione che rappresenta.

Nei prossimi mesi, per le scelte che la attendono, la Sicilia avrà bisogno di un governo autorevole, legittimato da una solida maggioranza. È chiaro che quel governo non potrà essere guidato da Musumeci. Le sue dimissioni rappresenterebbero oggi un atto di decenza e di rispetto per le sorti della Sicilia.”

Miceli (Pd): “Musumeci solo terzo, risultato impietoso”. Barbagallo (Pd): “Il presidente terzo mai successo”

“L’elezione all’Ars dei tre grandi elettori siciliani consegna a Nello Musumeci un risultato impietoso: solo terzo, dopo l’opposizione e con 15 voti in meno rispetto a Gianfranco Micciché. Spero caldamente prenda atto di essere stato sfiduciato dalla sua maggioranza e decida di comportarsi di conseguenza”. A dirlo è il deputato siciliano del Pd Carmelo Miceli.

“La maggioranza di centrodestra in frantumi, risultato? Musumeci, bocciato dai suoi stessi alleati, raccoglie soltanto 29 preferenze piazzandosi terzo e ultimo tra i 3 grandi elettori designati dall’Ars per votare il presidente della Repubblica. E’ la prima volta che un presidente della Regione riceva meno voti di un candidato dell’opposizione”. Lo dichiara il deputato e segretario regionale del PD Sicilia, Anthony Barbagallo.

“Miccichè 44 voti, Di Paola del M5S 32 e Musumeci 29. Il voto dell’Ars parla chiaro, per Musumeci è una disfatta. Per il centrosinistra invece – prosegue Barbagallo – un buon risultato: contavamo su 24 voti ne abbiamo ottenuto 8 in più. Anche questo un buon segnale di compattezza nell’ottica di proseguire e rinforzare l’asse Pd-M5S”.

Sicilia. Lupo: Musumeci si dimetta

“Se Musumeci, come dice, ha preso ‘atto  dell’esito del voto e del suo significato politico’ si dimetta subito. La pausa di riflessione che il presidente della Regione siciliana, di fatto sfiduciato in aula, ha annunciato è semplicemente ridicola. Il presidente Musumeci è naufragato in aula a conferma della propria totale inadeguatezza”
Lo dice il capogruppo Pd all’Ars Giuseppe Lupo dopo l’esito del voto per i grandi elettori espresso dall’Ars che ha visto Musumeci ultimo eletto con appena 29 voti dietro il  presidente dell’Ars Gianfranco Micciche che ne ha ottenuti 44 ed il candidato delle opposizione Nuccio di Paola che ha ottenuto 32 voti.
Commenta su Facebook